Senza il suo finale cancellato, Metal Gear Solid V non ha nessuna fine

DiPatrick Lee 19/10/16 12:00 Commenti (199)

Schermata: Metal Gear Solid V: The Phantom Pain/Steam

Dicono che prima di intraprendere un viaggio di vendetta, dovresti scavare due tombe. Ecco perché Metal Gear Solid V: The Phantom Pain ha due finali. Al culmine del primo capitolo del gioco, Venom Snake e i suoi Diamond Dogs si vendicano sul malvagio Skull Face e iniziano i titoli di coda, ma poi inizia il secondo capitolo del gioco. I consiglieri di Snake diventano cauti, cambiano idea su chi sia il loro vero nemico e continuano ad accettare lavori senza senso di mercenari. Nel tempo, il gruppo si disintegra. I membri vengono esiliati o scappano, e un'epidemia di parassiti contagiosi e incurabili costringe Snake a massacrare molti dei suoi stessi soldati. Alla fine, Snake scopre di non essere affatto il leggendario Big Boss, ma una controfigura ipnotizzata. Alla fine del secondo capitolo, Snake ha perso tutto: il suo scopo, i suoi amici e persino la sua identità. Qui il gioco finisce di nuovo, seppellendo Snake nella proverbiale seconda tomba.



Annuncio pubblicitario

Ecco come finisce il gioco così com'è ora, ma non era la conclusione prevista della storia. Opportunamente, dato il suo sottotitolo, Il dolore fantasma mancano delle parti. Un 51° e ultimo episodio è stato tagliato dal gioco a causa di limiti di tempo e budget, ma un video che mostra il contenuto incompiuto è stato incluso come caratteristica speciale nell'edizione da collezione del gioco. Quel finale perduto avrebbe cambiato in modo significativo il modo in cui la storia e i suoi temi si sono svolti. Non solo avrebbe legato i fili della trama che sono rimasti in sospeso nel finale esistente, ma si sarebbe anche elevato Il dolore fantasma da un ammonimento anti-vendetta relativamente semplice a una meditazione molto più ricca sull'individualità, l'eredità e la verità. Dire MGS5 la fine di 's è brusca sarebbe troppo gentile: l'episodio 51 è stato così vitale per la storia di Il dolore fantasma che è quasi più preciso dire che senza di essa, il gioco non ha affatto un finale.

Nell'episodio perduto 51, i Diamond Dogs trovano Eli, il ragazzo signore della guerra clonato da Big Boss, il leggendario soldato il cui doppio corpo hai interpretato come per tutto il tempo Dolore fantasma , a tua insaputa fino alla fine, e il Metal Gear che ha rubato loro nascondendosi su un'isola che è stata contaminata da mortali parassiti cresciuti in laboratorio. Questo episodio sarebbe culminato con una battaglia contro Metal Gear Sahelanthropus, il carro armato bipede che brandisce armi nucleari, ed Eli, che rivela la sua motivazione patricida prima dell'inizio della battaglia: non hai l'ultima parola, padre. Spezzerò la maledizione della mia eredità. Dopo la vittoria di Snake, i Diamond Dogs rivendicano Sahelanthropus e l'umiliato Eli si scaglia contro Venom Snake: non sono io. Sono solo una tua copia, senza rendermi conto che non è il vero Big Boss. Snake, compatindo Eli e riconoscendosi nella crisi d'identità del bambino, gli lascia una pistola con un solo proiettile, aspettandosi di non vederlo mai più. Invece, Eli fugge, vivendo per diventare Liquid Snake, uno dei cattivi ricorrenti della serie.

Questo confronto finale tra Venom Snake ed Eli è ciò verso cui l'intero episodio, l'intero gioco e potenzialmente l'intera serie avrebbero dovuto costruire. Alla fine del capitolo 2, Snake ascolta una registrazione che descrive i piani di Big Boss per lui. Si guarda allo specchio e si percepisce in molti modi diversi - il suo sé originale, la sua forma emaciata dopo il risveglio dal coma, un demone intriso di sangue - poi lo frantuma, cedendo simbolicamente la sua identità interamente a Big Boss. Nel finale esistente, lo fa senza una ragione distinguibile. Continua il Metal Gear Solid tradizione di meditare sull'identità, ma è un pensiero incompleto. Un uomo è stato trasformato in un altro attraverso la chirurgia e l'ipnoterapia e accetta questo nuovo ruolo quasi istantaneamente e senza motivazione. Quel compiacimento riduce al minimo la rappresentazione della serie dell'identità individuale come qualcosa modellato da innumerevoli fattori che interagiscono in modi complessi e imprevedibili.



È solo nell'episodio 51 cancellato che vediamo il momento in cui Venom Snake sussume davvero la sua identità in Big Boss. È la presenza di Eli, che resiste al ruolo assegnatogli come successore di Big Boss, che motiva la resa di Venom Snake. Quando si confronta con i pietosi capricci del bambino sconfitto per essere stato incatenato all'eredità di Big Boss, Snake rifiuta la negazione di Eli e finalmente accetta la sua nuova identità. Nel momento in cui Snake si prende gioco del disprezzo di Eli per la sua eredità, è vero. Non incolpare te stesso. Dai la colpa a me.—è il momento in cui abbraccia il suo ruolo di copia di Big Boss e inizia a diventare il cattivo che apparirà in seguito nell'originale Ingranaggio in metallo . Senza la sconfitta di Eli e il successivo sfogo, Snake non vede mai quanto sia inutile resistere alle macchinazioni di Big Boss e quanto sia poco dignitoso che i suoi strumenti insistano sulla propria individualità.

G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

Nel corso di Metal Gear Solid V , i titoli di coda scorrono dozzine di volte: ogni missione termina con una sequenza di titoli di coda, come uno show televisivo. Nonostante tutti questi finali, la storia stessa non si conclude mai veramente, non si costruisce mai su un singolo punto tematico. La storia di Il dolore fantasma , di come l'identità di un uomo possa essere completamente sostituita con quella di un altro, non funziona a meno che la storia di Venom Snake non sia esplicitamente in contrasto con quella di Eli. Ci vogliono tutti e tre i personaggi: Big Boss, the Father; Eli, il Figlio; e Venom Snake, the Holy Ghost, perché la storia del gioco e i suoi temi si uniscano correttamente. Senza questo confronto finale, il gioco si conclude invece con un finale contorto e vuoto che ha poco da offrire oltre al valore shock. Perso, per inciso, è anche il simbolismo di un finale in cui due falsi litigano per Metal Gear molto tempo dopo che la leggenda originale è fuggita per fare qualcosa che trova più interessante.Konami ha annunciato Metal Gear Sopravvivere lo scorso agosto. Il creatore della serie, Hideo Kojima, non è coinvolto nella sua produzione.