L'Ascesa di Skywalker ripercorre le migliori decisioni degli Ultimi Jedi

Foto: Disney/LucasfilmDiAlex McLevy 20/12/19 12:00 Commenti (1039)

Spazio spoiler offre riflessioni e un luogo per discutere i punti della trama che non possiamo rivelare nelle nostre recensioni ufficiali. Avviso equo: i principali punti della trama per Star Wars: L'ascesa di Skywalker sono rivelati di seguito.


È iniziato ancor prima dell'uscita del film. Nel blitz di stampa che circonda L'ascesa di Skywalker , le star e i creatori del film finale nell'ultimo Guerre stellari la trilogia ha iniziato a lanciare strane affermazioni che potevano essere lette solo come una critica velata Gli ultimi Jedi , il capitolo centrale audace ma controverso della nuova serie. John Boyega ha espresso il suo disagio con il trio principale separato per quasi l'intero secondo film, anche se la sua antipatia per quella decisione potrebbe essere letta più come un'espressione del semplice fatto che mancano i suoi co-protagonisti e che desiderano il supporto dei suoi due colleghi protagonisti sul set durante le riprese. (Inoltre, ha visto? L'impero colpisce ancora ? Luke è isolato da morire in quello.) Daisy Ridley ha detto che ha pianto di sollievo all'udire che Abrams stava tornando. E soprattutto, J.J. Abrams ha detto del film di Rian Johnson - e in particolare, la sua decisione di concentrarsi meno sulla mitologia carica di nostalgia di Abrams e più su, beh, seppellire il passato - È un po' un meta approccio alla storia. Non credo che le persone vadano a Guerre stellari sentirsi dire: 'Questo non importa'.



Annuncio pubblicitario

La lingua è un regalo morto. Che cosa non importa? Non tramare, o caratterizzare, o nessuna delle cose a cui Johnson era chiaramente dedicato, indipendentemente dal fatto che tu fossi d'accordo con le sue scelte. No, quello che il ragazzo che ha diretto Star trek Into Darkness sembra dire è, perché non hai reso i genitori di Rey la linea di sangue di qualcuno che ricordiamo dalla trilogia originale? Perché Luke non ha immediatamente afferrato la sua spada laser e non ha iniziato ad affettare gli assaltatori del Primo Ordine? Perché non hai fornito più fan service? ? Qualcuno avrebbe dovuto dire ad Abrams che questo era non andrà come pensi .



E così, con L'ascesa di Skywalker , Abrams è andato avanti e ha fatto ciò che una piccola ma estremamente vocale minoranza di Guerre stellari il fandom voleva fare ma non poteva: ha ripercorso gli elementi più avvincenti di Gli ultimi Jedi . E così facendo, indebolisce ulteriormente un franchise che si sentiva già troppo in debito con una base di fan esigente. J.J. Abrams (e Kathleen Kennedy, e il resto di Guerre stellari ' una sorta di team creativo) va oltre la campagna di pubbliche relazioni per gettare il film di Rian Johnson sotto l'autobus; nega le cose migliori che il film ha fatto per questa serie, in particolare, liberarla dal bisogno privo di fantasia di essere infinitamente in debito con il passato.

Ah, ricordi quella cosa? Bei tempi.



Foto: Disney/Lucasfilm

La conclusione di questa trilogia getta a mare gran parte del lavoro svolto dal film di Johnson, al punto che, a tutti gli effetti, L'ascesa di Skywalker potrei quasi riprendere da dove Il Risveglio della Forza lasciato fuori, se non fosse per un paio di personaggi che muoiono definitivamente nel frattempo. Il più ovvio degli sforzi di Abrams per invertire la rotta Gli ultimi Jedi è la riconnessione dei genitori di Rey, che la rende la nipote dell'imperatore Palpatine. È una decisione che non intacca solo la storia di Johnson, in cui Kylo Ren rivela a Rey che i suoi genitori erano nessuno, per riaffermare meglio quanto sia isolata e insignificante agli occhi degli altri. Indebolisce anche il punto cruciale del punto di Johnson nel fare quella scelta narrativa: che il tuo passato non definisce il tuo futuro, e un eroe che cambia il corso dell'universo può venire da qualsiasi luogo.

Annuncio pubblicitario

Rendendola parte di una linea di sangue aristocratica che la lega direttamente al più potente Signore dei Sith che sia mai vissuto (e morto e sopravvissuto come un non morto, in questo caso), Abrams indebolisce l'intera spinta emotiva di quella storia. Certo, può includere un sacco di discorsi difensivi di più personaggi su come non dobbiamo lasciare che i nostri antenati ci definiscano, ma sostiene ancora un mito più scoraggiante di qualsiasi midichlorian, vale a dire che puoi solo veramente sii speciale se vieni da un inizio speciale. Più personaggi possono essere parti ugualmente importanti della storia, ma in realtà Fattoria di animali forma, alcuni sono più uguali di altri. È come se qualcuno avesse rivisto l'autobiografia di Usain Bolt per dire che il suo bisnonno era Jesse Owens. Oh, Ora ha senso, potrebbero pensare i fan dell'atletica leggera. Altrimenti è solo una Mary Sue!



Prendi quello, Gli ultimi Jedi !

Foto: Disney/Lucasfilm

Questo bisogno di tornare continuamente al passato, di ricollegare tutto a qualcosa che è venuto prima piuttosto che consentire un'evoluzione in qualcosa di nuovo, è ciò che mette in ginocchio L'ascesa di Skywalker , svuotandolo di vita e facendolo sentire come un floscio ricostruito di Il ritorno dello Jedi . (Almeno Il Risveglio della Forza era una versione energica del suo antecedente, Una nuova speranza .) L'inchinarsi di Abrams ai rumorosi fanboy sembra più sfacciato nell'emarginazione di Rose Tico di Kelly Marie Tran, introdotta come un nuovo importante personaggio in Gli ultimi Jedi , ma ora relegato a un ruolo a malapena in disparte, à la Jar Jar Binks; è difficile non leggerlo come un toccasana per il peggiore dei Guerre stellari pubblico. Ma l'intento è chiaro anche in Skywalker a parte il fumetto. Quando Rey torna sulla stessa isola su cui Luke si è isolato per così tanto tempo, determinata a non lasciare che la sua visione di sedersi sul trono del male si avveri, il suo defunto mentore ritorna, in stile Obi-Wan, per consigliarla. Salvando la spada laser che Rey tenta di gettare nei resti in fiamme della sua nave, la ammonisce, l'arma di un Jedi merita più rispetto!

La lettura più caritatevole di questa frase sarebbe che si tratta di un piccolo scherzo ironico, che commenta il lancio da parte di Luke della stessa arma dell'incidente che ha inizio Gli ultimi Jedi . Ma in questo caso, è anche una frecciatina al suo predecessore, un ripudio del tentativo di Johnson di liberarsi dal passato e portare la narrazione in una nuova direzione, offrendo a questi personaggi la possibilità di fare di più che semplicemente ripercorrere lo stesso viaggio che noi' ho già visto. Abramo non ha interesse a liberarsi; nella sua lettura, Guerre stellari dovrebbe offrire una cosa, e puoi trovarla nella trilogia originale di George Lucas. Quindi porta su Billy Dee Williams, e Tatooine, e anche lo stesso Harrison Ford, rompendo il suo voto di liberazione dal passato per allacciare quella dannata cintura un'ultima volta e lasciare che il ricordo di Han Solo guidi Kylo di nuovo ad essere Ben. Il passato detta tutto.

Annuncio pubblicitario

Foto: Disney/Lucasfilm

Questo sottoquotazione di Gli ultimi Jedi definisce L'ascesa di Skywalker così definitivamente come la nostalgia che usa al posto di una nuova narrazione. Ricordi quanto è stato sorprendente quando Kylo ha rotto il suo casco? Non preoccuparti, Abrams lo fa ricucire insieme. Sorpreso quando Snoke è stato ucciso dal suo accolito? Va bene, è stato comunque Palpatine a lavorarlo come un burattino, proprio come previsto, quindi quell'azione non ha cambiato davvero nulla. Sei stato scoraggiato quanto Poe nell'apprendere che i suoi istinti erano così sbagliati l'ultima volta? Non temere—in L'ascesa di Skywalker , il sentimento viscerale di ogni bravo ragazzo è infallibilmente accurato, perché questa è una storia terrorizzata di sfidare il suo pubblico in qualsiasi modo. L'asporto è un'inversione perversa del vecchio detto, coloro che dimenticano il passato si stanno perdendo una prima opportunità per ripeterlo.

C'è ancora molto da godere nel film di Abrams, in particolare le interpretazioni. Ridley, Boyega e Isaac ancora una volta fanno tutti un ottimo lavoro, elevando anche i momenti più forzati del personaggio. E Adam Driver finalmente riesce a iniettare un po' di leggerezza nel suo Kylo Ren perennemente arrabbiato: c'è il grande momento in cui salta giù nelle fosse di Exogol, atterrando con forza su una roccia affiorante solo per mormorare un conciso, Ow. O quando lui e Rey eseguono il loro trucco di consegna della spada laser, e Kylo rivela la sua arma ai suoi ex Cavalieri con cui sta per combattere, dando una leggera scrollata di spalle e il minimo accenno di un sorriso. E Abrams ha ancora un'attitudine per la creazione di spettacoli più grandi della vita: l'azione può spesso sembrare frettolosa e superficiale, ma alcune inquadrature (il crollo Star Destroyer , Rey che fa a pezzi la nave di Kylo) sono sorprendenti come qualsiasi cosa in Il Risveglio della Forza .