Quentin Tarantino non riceve le critiche di C'era una volta... nella scena di Bruce Lee a Hollywood

Il regista ha parlato della scena durante un'apparizione nel podcast di Joe Rogan

DiTatiana tenreyro 30/06/21 13:34 Commenti (230) Avvisi

Mike Moh come Bruce Lee in C'era una volta... a Hollywood

Schermata: Columbia Pictures



Quentin Tarantino C'era una volta... a Hollywood ha ottenuto il plauso della critica, ma c'è una scena che molti spettatori hanno contestato: La lotta nel backstage di Bruce Lee con Cliff Booth . Nel film, il personaggio di Brad Pitt viene sfidato dall'attore, regista e leggenda delle arti marziali (interpretato da Mike Moh) dopo che Lee si oppone a Cliff che si fa beffe dell'idea di poter battere Muhammad Ali. Durante il loro combattimento, Cliff lancia Lee in un'auto, umiliandolo nella sconfitta. Ora, due anni dopo l'uscita del film, Tarantino ha affrontato le reazioni negative alla scena su L'esperienza di Joe Rogan .

Sono un po' riluttante a parlarne perché non voglio che questa sia l'unica cosa che la gente tira da questo spettacolo, dice Tarantino, prima di fare una dichiarazione praticamente garantita come l'unica cosa che la gente tira dai suoi quasi tre conversazione di un'ora con Rogan. Tarantino promette che la scena sarà più approfondita nel romanzo di C'era una volta... a Hollywood . Ma aggiunge anche, da dove vengo posso capire che sua figlia ha un problema con questo. È il suo fottuto padre. Tutti gli altri: vai a succhiare un cazzo.

Annuncio pubblicitario

Tarantino fa riferimento ai commenti di Shannon Lee sulla scena. Nel 2019, ha detto l'involucro , Capisco che vogliono rendere il personaggio di Brad Pitt questo super tosto che potrebbe picchiare Bruce Lee. Ma non avevano bisogno di trattarlo come faceva la Hollywood bianca quando era vivo. Ha anche condiviso con il L'A.V. Club nel 2020 che, quando le persone vogliono caratterizzare [Lee] come uno stronzo o caratterizzarlo come, 'Beh, non era davvero tutto questo', questa è la loro opinione. Stanno arrivando da quell'angolazione per uno scopo sconosciuto, ma sono consapevole che è loro e non ha nulla a che fare con me. Mi sento come se stessi facendo il mio lavoro per tirare fuori un ritratto della persona che conosco.



Durante l'episodio del podcast, Tarantino spiega il processo decisionale dietro le quinte. Dice a Rogan che è servito per evidenziare come Cliff abbia usato il suo ingegno per ingannare Lee. Insiste anche sul fatto che la sua rappresentazione di Lee fosse, a suo parere, fedele alla vita. Gli stuntmen odiavano Bruce su Il Calabrone Verde . È nel libro di Matthew Polly che dice prima di aggiungere che Bruce non aveva altro che mancanza di rispetto per gli stuntmen.

Ma nel 2019, la biografa di Lee Polly detto scudiero l'opposto. Polly ha detto che, in realtà, Bruce Lee era molto famoso per essere molto rispettoso delle persone sotto di lui sui set cinematografici, in particolare gli stuntmen e non ha mai iniziato a litigare.