L'uscita postuma di Prince, Welcome 2 America, è fantastica. Allora perché l'ha lasciato nel caveau?

Registrato nel 2010, poi inspiegabilmente accantonato, l'album contiene alcuni dei testi più esuberanti di Prince e della musica più orecchiabile del 21° secolo.

Dinoel murray 26/07/21 13:15 Commenti (53) Avvisi

Principe

Foto: Kevin Mazur/The Prince Estate



Dopo che Prince lasciò la sua etichetta di lunga data Warner Bros. nel 1996, trascorse circa i successivi 15 anni registrando una serie di album sovraccarichi, spesso con titoli confusi e copertine sgargianti, pubblicati tramite metodi di distribuzione a volte stravaganti che assicuravano che svanissero nell'oblio quasi non appena sono arrivati. L'ultima scoperta del caveau del principe, Benvenuto 2 America , viene dalla fine di quella corsa, registrata nel 2010, poco prima che spostasse la sua attenzione dall'uscita di dischi e si concentrasse maggiormente sul suo redditizio live act. È facile capire perché un album perduto di quest'epoca potrebbe essere difficile da vendere, anche per i fan di Prince: sebbene abbia prodotto opere d'arte brillanti negli anni 2000, le sue capacità curatoriali spesso lo deludono.

Annuncio pubblicitario

Eppure ascoltato nel contesto del 2021, e quasi privo del bagaglio musicale che lo ha immediatamente preceduto, è difficile negare come vivo questo nuovo album si sente. è Benvenuto 2 America un record tra i primi cinque Prince? Sicuramente no, ma potrebbe essere tra i primi 10.

Recensioni record Recensioni record

Benvenuto 2 America

A- A-

Benvenuto 2 America

Artista

Principe



Etichetta

Sony

oltre a indossare la testa di una capra

Un recente Storia orale in Rolling Stone offre uno sguardo abbastanza approfondito su come Benvenuto 2 America Venuto per essere. In poche parole: nel 2010, Prince ha assunto una nuova sezione ritmica (il bassista Tal Wilkenfeld e il batterista Chris Coleman), e mentre suonava con loro nel suo studio di Paisley Park, ha registrato diversi brani strumentali semi-improvvisati pesantemente influenzati dal jazz e dal funk degli anni '70. Quando Prince chiamò alcuni membri della sua band itinerante per aiutare a trasformare questi vampiri in canzoni, aveva aggiunto testi che erano alternativamente giocosi e politici, raffiguranti una nazione di cittadini incatenati illusi nel pensare che la scelta del consumatore fosse uguale alla libertà.

Prince, o chiunque sia stato responsabile della sequenza di questo rilascio d'archivio, stabilisce il tono di Benvenuto 2 America con le sue canzoni di apertura. La title track è uno dei keynote semi-regolari dello stato del mondo dell'artista (come Firma O 'The Times oPianeta Terra), con battute meschine sui tossicodipendenti dell'iPhone e celebrità aspiranti patetiche, impostato su un groove sciolto e in avanti di basso che è stato accentato da effetti sonori, punture di pianoforte e un coro serrato di cantanti di sottofondo che offrono risposte sinuose e piene di sentimento alle chiamate di Prince. Welcome 2 America lascia poi il posto a Running Game (Son Of A Slave Master), un altro numero essenziale e dolcemente oscillante, che rivisita uno dei temi comuni di Prince: lo sfruttamento del lavoro creativo da parte di corporazioni avide e miopi.



G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

Da li, Benvenuto 2 America procede attraverso altre dieci canzoni che combinano spesso musica rilassata, quasi sbarazzina con testi pungenti (come questa battuta di apertura dall'incisivo, pop 1000 anni luce da qui: potremmo vivere sott'acqua / Non è difficile quando non sei mai stato un parte del paese / Sulla terraferma). Dai riff della colonna sonora del film blaxploitation di Born 2 Die, alle vibrazioni solari delle canzoncine affettuosamente lanciate Hot Summer e Yes, al modo in cui Prince trasforma la potente ballata Soul Asylum Stand Up And Be Strong in un agile inno di autorealizzazione , c'è una coerenza tematica nel suono di questo album, un impegno per momenti casuali di grazia e gioia.

In un modo, Benvenuto 2 America suona come ogni atto presentato nel recente documentario musicale/progetto di bonifica L'estate dell'anima —compresi i popper del sole, i cantanti gospel e i poeti rivoluzionari—mischiati insieme e conferiti una lucentezza moderna. Le ispirazioni sono retrò, ma anche 11 anni dopo la registrazione di questo album, le canzoni suonano fresche, sia nell'argomento che nell'approccio. L'esistenza e il retroscena di Benvenuto 2 America sollevare alcune domande fastidiose. Perché Prince non ha pubblicato questo set di musica incredibilmente divertente e vitale durante la sua vita? E se lo avesse fatto, tutti quei critici e fan che hanno trovato la sua produzione di fine periodo così frustrante sarebbero stati in grado di capire quanto siano speciali queste canzoni?

Annuncio pubblicitario

Nemmeno le persone nella cerchia ristretta di Prince sembrano conoscere la risposta alla prima domanda. Dopo aver finito Benvenuto 2 America (ammesso che era finito... alcuni dei suoi collaboratori nel disco non ne sono così sicuri), ha intrapreso il tour di due anni Welcome 2..., rappresentato da un video completo del concerto incluso nell'edizione deluxe dell'album. Il tour era pesante sui più grandi successi di Prince, intrecciato con alcuni pezzi profondi preferiti dai fan e alcune cover insolite, ma raramente qualcosa dal vero Benvenuto 2 America album, che nemmeno la maggior parte dei devoti di Prince sapeva esistesse.

Per quanto riguarda la seconda domanda, beh, è ​​impossibile saperlo. Supponendo che Prince non si fosse sabotato rilasciando Benvenuto 2 America in qualche modo ingombrante e di difficile accesso (come mettere tutto su una chiavetta USB, o impacchettarlo con altri tre LP di outtakes mezzo finiti di canzoni dei suoi protetti), è difficile immaginare che il disco non sarebbe hanno avuto un impatto. Certamente non sarebbe sfuggito all'attenzione che un album così pieno di giusto scetticismo sui valori americani fosse stato registrato durante il primo mandato del presidente Obama, o che contenesse così tante canzoni che Obama probabilmente avrebbe messo su una delle sue playlist .

Whitney Houston e Kevin Costner
Annuncio pubblicitario

Un aspetto poco riconosciuto di Prince è che le sue opinioni da autodidatta su politica, religione, affari e musica raramente rientrano in una categoria chiara. Ha incorporato molto di più di quegli studi e preoccupazioni in Benvenuto 2 America , rendendolo uno dei suoi album più personali. Quindi ha impostato quelle idee su alcune delle sue musiche più simpatiche del 21° secolo. Se non altro, questo record è la prova che il genio unico di Prince non si è mai veramente offuscato, anche se a volte ha perso di vista come focalizzarlo, 0r, forse più importante per l'area Internet di rapida presa che Prince detestava così tanto much—come impacchettarlo.