La colonna sonora di Labyrinth è una parte essenziale dell'eredità di David Bowie

DiDavid Brusie 6/12/17 12:00 PM Commenti (249)

Foto: Labirinto/The Jim Henson Company

Un bambino rapito. Una palude di puzzo eterno. Un re dei Goblin i cui pantaloni elastici lasciano ben poco all'immaginazione. Nel 1986, il regista Jim Henson, il produttore George Lucas e lo sceneggiatore Terry Jones hanno unito questi e altri elementi per realizzare... Labirinto , un film che descrive gli orrori dell'essere un adolescente come una favola della buonanotte andata terribilmente male, un viaggio magico pieno di creature bizzarre e percorsi frustranti e ingannevoli. Nel film, una delusione al botteghino e critica che da allora ha guadagnato un enorme seguito di culto, il Re dei Goblin stranamente intrigante si ruba con il fratellino dell'adolescente Sarah, offrendo di restituirlo solo dopo che Sarah ha esplorato il suo labirinto. Per la parte di Jareth, il Re dei Goblin, Henson ha reclutato un professionista stravagante e intrigante David Bowie, che ha anche fornito una manciata di canzoni del film.



In un 1985 New York Times articolo, Henson ha spiegato la sua scelta come risultato di voler fare un film più leggero dopo il decisamente cupo Il Cristallo Oscuro. Volevamo fare una storia con relazioni piccole e deliziose, ha detto Henson. Il film cattura il momento in cui un'adolescente si rende conto di essere responsabile della sua vita. Cristallo scuro aveva un'orchestra sinfonica. Labirinto avrà il suono più funky della musica di David Bowie.

Annuncio pubblicitario

Nei film note promozionali , Bowie ha anche fatto riferimento alla leggerezza della storia come motivo del suo coinvolgimento. Jim mi ha dato la sceneggiatura, che ho trovato molto divertente, ha detto. È di Terry Jones, dei Monty Python, e ha quel tipo di follia leggermente insensata che lo attraversa. Quando ho letto la sceneggiatura e ho visto che Jim voleva metterci la musica, mi è sembrato che potesse essere una cosa davvero carina e divertente da fare.

Dato Labirinto i bruschi cambiamenti tonali: il film passa velocemente da ombre disorientanti a creature flosce e cantanti chiamate Fireys —è giusto che la colonna sonora, che ha ricevuto la sua prima ristampa in vinile il 12 maggio, sia essa stessa una strana creatura. Metà dell'album è occupata dalla colonna sonora di chitarra elettrica e synth di Trevor Jones, che non è invecchiata bene. Come il film, tuttavia, l'album riesce con il suo fascino stranamente accattivante. Quel successo è in gran parte dovuto alle canzoni di Bowie, che sono troppo spesso trascurate nel suo catalogo.



quandoDavid Bowie è morto, l'attenzione dei media era comprensibilmente concentrata sui suoi migliori album: Ziggy polvere di stelle , il capolavoro pop Hunky Dory , le collaborazioni Brian Eno-Tony Visconti della Trilogia di Berlino. E mentre le sue canzoni per Labirinto non corrispondono a quelle altezze vertiginose, meritano di essere più di una nota a piè di pagina dell'eredità di Bowie. (Il film, per non parlare del contributo musicale di Bowie, non è stato nemmeno menzionato nel suo New York Times necrologio .)

Underground ferma il film; le prime parole udite in Labirinto are It's only, non molto tempo, cantata lamentosamente da David Bowie nel suo tipico ululato straziante. Quel testo cattura bene il confuso mix dell'adolescenza di velocità vertiginosa e noia infinita, di obbligo e indipendenza. La canzone invita a scendere nell'underground suona come uno strano e simpatico uomo di classe superiore che ti aiuta a trovare la tua gente nel buio comfort del club di recitazione. Dal momento che la canzone arriva pochi minuti prima di incontrare Sarah, una quindicenne ossessionata dalle fiabe che sta per affrontare l'età adulta nella forma intimidatoria del Re dei Goblin di Bowie, le sue parole sono particolarmente toccanti.

Nel 1986, Bowie eraancora in alto dal suo album campione d'incassi del 1983 Balliamo , che ronzava sull'energia maligna fornita dal produttore Nile Rodgers e da un giovane chitarrista emergente di nome Stevie Ray Vaughan. Labirinto cadde esattamente nel mezzo di quell'alto commerciale e del minimo creativo degli anni '87 Non deludermi mai , che Bowie in seguito descrisse come un album orribile. Benchè Non deludermi mai è stato inizialmente un successo, le vendite sono diminuite rapidamente dopo che i critici lo hanno devastato. ( Rolling Stone 's Steve Pond lo ha definito in particolare il l'album di Bowie più rumoroso e sciatto di sempre ).



G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

Tuttavia, Non deludermi mai ha un fascino distinto simile a Labirinto 'S. La produzione patinata di David Richards a volte appesantisce le cose - nessuna quantità di rivalutazione critica può salvare il plumbeo Ragno di vetro - ma il battito di mani alimentato Battito del tuo tamburo condivide l'energia maniacale di Labirinto è contagiosamente sciocco Magic Dance (che, va detto, funziona meglio su disco che su film, dove le capacità di sincronizzazione labiale di Bowie lasciano a desiderare).

Allo stesso modo, il title track di Non deludermi mai (un omaggio all'assistente di lunga data di Bowie, Coco Schwab) ricorda Labirinto la migliore canzone di As The World Falls Down. Entrambe le canzoni soddisfano con sincera empatia, usando le classiche progressioni di accordi pop per mettere in relazione le gioie e il dolore dell'amore.

Il fatto che Jareth canti, sarò lì per te mentre il mondo crolla, per una quindicenne, anche se nel suo sogno, si aggiunge all'inquietudine del film. C'è sia un appello paterno che un pericolo estraneo in Jareth, ha scritto Alison Stine in un perspicace atlantico articolo poco dopo la morte di Bowie, una qualità confusa e snervante... Francamente, rende Labirinto a volte difficile da rivedere da adulto.

Annuncio pubblicitario

Come sottolinea Stine, è la resistenza di Sarah alla presa di Jareth su di lei (e sul suo fratellino) - e non la generosità del Re dei Goblin - che salva la situazione. Alla fine sconfigge il Re dei Goblin, riconquistando il fratello e tornando nel mondo reale, con una battuta semplice, una battuta del trionfo della giovinezza, una battuta lanciata a Jareth come una molotov: Non hai potere su di me , scrive Stine. Jareth è di conseguenza sia benevolo che inquietante, una linea che nessuno ha seguito come David Bowie.

Il fascino di Bowie per l'R&B americano e le superfici pop nella versione finale di Sotterraneo , un gioioso rave-up che inizia come synth-pop prima di passare a un barnstormer gospel, con l'aiuto dei suonatori Chaka Khan, Luther Vandross e Albert Collins, tra molti altri. Come il Modern Love influenzato dalla Motown (e con uno stile di produzione simile), Underground ha un suono decisamente americano, creando un finale sorprendente per una favola intrisa di influenze europee come Alice nel paese delle meraviglie e le fiabe di Grimm. Quella combinazione, ovviamente, è anche puro Bowie.

Annuncio pubblicitario

Quella Labirinto non solo si conclude con il ritorno di Sarah alla sua vita normale ma, con la ripresa di Underground, una celebrazione del mondo oscuro che l'ha inghiottita, rende il film inconfondibilmente la visione combinata di Henson e Bowie. Come estranei a cui è stata data la possibilità di parlare alle masse, in modi unici, i due uomini hanno creato un'opera che, attraverso l'uso simultaneo del pericolo come fonte di eccitazione e danno, parla ancora direttamente agli estranei finali: adolescenti.