Julianne Moore e Stephen King aprono Lisey's Story su Apple TV Plus

DiDanette Chavez 6/04/21 12:00 PM Commenti (4) Avvisi

Julianne Moore recita in Lisey's Story

Foto: Apple TV Plus



Ecco cosa sta succedendo nel mondo della televisione per venerdì 4 giugno e sabato 5 giugno. Tutti gli orari sono orientali.

Annuncio pubblicitario

Le migliori scelte

La storia di Lisey (Apple TV+, 00:01, premiere di due episodi): Netflix ha Il gioco di Gerald , 1922 , e Nell'erba alta . Hulu ha Castle Rock e 22.11.63 . Anche il relativo nuovo arrivato in streaming Paramount+ (nata CBS All Access) ha La posizione . Gli adattamenti di Stephen King sono ovunque, inclusa Apple TV+, che presenta in anteprima una serie limitata basata sul romanzo del prolifico autore del 2006, La storia di Lisey . (Non solo, ma King è lo scrittore della serie.) L'omonimo dramma psicologico, diretto da Pablo Larraín, racconta una storia inquietante di amore duraturo e adorazione dell'artista, con Julianne Moore e Clive Owen al centro. Moore interpreta Lisey Landon, che cerca di addolorare suo marito Scott Landon (Owen) in privato, ma il suo passato e i suoi fan (incluso uno interpretato da Dane DeHaan) si intromettono. Joan Allen, Ron Cephas-Jones e Jennifer Jason Leigh co-protagonisti. Juan Barquin ricapitolerà.

Sentirsi bene (Netflix, 3:01, premiere della seconda stagione): Creato e interpretato dalla comica Mae Martin, Sentirsi bene ha realizzato così tanto nella sua prima stagione, offrendo un'esplorazione stratificata e dinamica di genere, sessualità, dipendenza, relazioni e scoperta di sé. La sua seconda stagione, anch'essa di soli sei episodi, è altrettanto riccamente strutturata e ancora più ambiziosa nella sua narrazione. La voce comica di Martin è originale e tagliente, e lo spettacolo abbraccia senza battere ciglio il disagio e il disordine. Molti dei temi centrali della prima stagione continuano qui: una linea sorprendentemente sottile tra l'autorealizzazione e l'autodistruzione, gli alti e bassi delle relazioni, la tensione tra se stessi e il modo in cui si viene percepiti dagli altri. La dipendenza di Mae è ancora una parte significativa del suo arco narrativo qui - nell'arco della premiere, entra e esce dalla riabilitazione - ma la seconda stagione introduce anche una nuova serie di ostacoli che si basa su alcuni dei lavori sui personaggi della scorsa stagione.Leggi il resto della recensione di Kayla Kumari Upadhyaya qui.



Copertura regolare

Le ultime novità di LaToya Ferguson Lucifero orologio abbuffatogiunge al termine.

Serata film

L'evocazione: il diavolo me l'ha fatto fare (HBO Max, 3:01): Me l'ha fatto fare il diavolo , il terzo capitolo di questo franchise horror di successo, si discosta ancora di più dai suoi predecessori, fabbricando un'intera narrativa immaginaria attorno a un caso reale. Il problema qui non sono le libertà drammatiche, però. È che sono molto meno, beh, drammatici degli eventi reali che il film lascia curiosamente fuori dallo schermo: il sensazionale processo di un certo Arne Johnson, che ha fatto la storia (e i titoli dei giornali) insistendo in tribunale che era sotto l'influenza demoniaca quando ha accoltellato il suo padrone di casa a morte. Leggi il resto di A.A. La recensione di Dowd qui .

Raya e l'ultimo drago (Disney+, 3:01): quando Raya e l'ultimo drago impiega il tempo per rimuginare sul dolore e sulla guarigione dal trauma, si distingue in modo significativo dal resto dell'opera della principessa. Tanto unico quanto la costruzione del mondo del film è il suo senso di speranza bruciato dalla perdita, non minato da essa. L'ultimo racconto della principessa Disney è ora disponibile per tutti gli abbonati Disney+ (non solo per quelli disposti/in grado di pagare il sovrapprezzo di $ 30).



Carte jolly