Ci sono voluti solo due film perché Newman e Redford diventassero un duo iconico sullo schermo

DiMike D'Angelo 11/02/20 14:00 Commenti (84)

Foto: Bettmann (Getty Images)

guarda questo offre consigli sui film ispirati a nuove uscite, anteprime, eventi attuali o occasionalmente solo dai nostri imperscrutabili capricci. Questa settimana: Con Uomo d'Acciaio le costar Kevin Costner e Diane Lane appaiono di nuovo insieme in Lascialo andare , stiamo guardando indietro ad altre riunioni di star sullo schermo.



Annuncio pubblicitario

Il pungiglione (1973)

Per gli spettatori di una certa età, è difficile pensare a Paul Newman senza che venga in mente Robert Redford e viceversa. I due sono legati per sempre, come Astaire e Rogers o Tracy e Hepburn. Eppure hanno recitato solo in due film, il secondo dei quali ha fatto pochi sforzi per replicare la dinamica unica degli attori nel primo. Infatti, la presenza di Newman in Il pungiglione sarebbe sembrato improbabile a chiunque avesse letto una prima bozza della sceneggiatura di David S. Ward: il suo personaggio, Henry Gondorff, è stato descritto come fortemente sovrappeso e concepito come un ruolo secondario, e Johnny Hooker, la parte interpretata da Redford, ha servito come unico protagonista della storia.

Newman aveva un disperato bisogno di un successo, tuttavia, a seguito di diversi flop al botteghino (chiunque ricordi WUSA? ), e il ricongiungimento di Butch Cassidy con Sundance Kid—dimagrendo fisicamente Gondorff e rinforzandolo in un ruolo da protagonista—sembrava sicuramente il modo più semplice per stampare denaro. Dire che ha funzionato sarebbe per usare un eufemismo: non solo l'ha fatto Il pungiglione vince l'Oscar per il miglior film per il 1973, ma è ancora il 21° film con il maggior incasso nella storia se si tiene conto dell'inflazione, avendo preso l'equivalente del 2020 di 835 milioni di dollari. Sono molti i fan di Newman e Redford.

Ancora una volta, però, il film sfrutta a malapena il desiderio del pubblico di vedere il rapporto facile e sparring di questi due attori. Non condividono molte scene, in parte perché la trama bizantina spesso richiede che Gondorff e Hooker agiscano separatamente anche se stanno lavorando per lo stesso fine. Il loro piano: Doyle Lonnegan (Robert Shaw), un mafioso irlandese i cui scagnozzi uccidono il partner di Hooker (Robert Earl Jones, padre di James) all'inizio del film. Hooker vuole vendetta e Gondorff, un leggendario truffatore che è diventato un ubriacone, cerca la redenzione; nessuno di questi archi di personaggi è molto, però, ed entrambe le interpretazioni si basano su un semplice carisma.



G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

Ciò che rende Il pungiglione così divertente è l'imbroglio stesso, che occupa praticamente l'intero tempo di esecuzione del film, diviso in più fasi (The Hook, The Tale, The Shut-Out, ecc.) E raccontato in dettaglio minuzioso. Ward ha basato la sua sceneggiatura su vere truffe di cui aveva letto, trovando il giusto equilibrio tra tenere lo spettatore al corrente di ciò che sta accadendo (più o meno) e riservandosi alcuni colpi di scena da cogliere lungo la strada. Per uno spettatore contemporaneo, l'idea di base dello schema può essere difficile da capire: era arcaica anche nel 1973, poiché il film - famoso per le composizioni ragtime di Scott Joplin, in particolare The Entertainer - si svolge nel 1936; all'epoca i risultati delle corse ippiche venivano spesso annunciati a posteriori tramite telescrivente, rendendo possibile, sia pure a malapena, a qualcuno di scommettere su una corsa che aveva già prodotto un vincitore pochi minuti prima.

Alla fine, però, tutto ha un senso, ed entrambe le star sembrano davvero iconiche vestite con i costumi d'epoca di Edith Head e in giro con automobili d'epoca. Newman si diverte di più, poiché la funzione di Gondorff nella truffa consiste nel fingere di essere un odioso allibratore di Chicago (soprannominato Shaw, che può essere un po' fonte di confusione dato che di solito interagisce con Robert Shaw) e spingere Lonnegan a piazzare un'enorme scommessa al falsa posizione fuori pista creata da lui, Hooker e il loro considerevole equipaggio. Redford esegue la sua sfacciata routine degli anni '70 con un effetto superbo e riesce a vendere l'elemento chiave che ha lavorare in ordine sia per il pungiglione che per Il pungiglione per uscire come previsto.

Annuncio pubblicitario

Non sta rovinando nulla rivelare che il film si conclude con i suoi due attori principali che si allontanano in lontananza, fianco a fianco, mentre un effetto iride vecchio stile li isola nell'oscurità. Newman sarebbe vissuto per altri 35 anni, ma lui e Redford, dopo due sconfitte epocali, non hanno mai più lavorato insieme. Non importava. Era abbastanza.



Disponibilità: Il pungiglione è attualmente in streaming gratuitamente (con annunci) su Pavone . È anche disponibile per il noleggio digitale e/o l'acquisto tramite iTunes , Amazon , Youtube , Fandango adesso , Vudu , scatola rossa , DirectTV , e Teatri AMC su richiesta .