Gone Girl è un trucco che solo David Fincher potrebbe fare

DiIgnatiy Vishnevetsky 10/02/14 12:00 PM Recensioni A-

ragazza andata

la direttrice

David Fincher

Tempo di esecuzione

149 minuti



Valutazione

R

Lancio

Ben Affleck, Rosamund Pike, Carrie Coon, Kim Dickens, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Patrick Fugit

Annuncio pubblicitario

ragazza andata —L'adattamento freddo, crudele e spesso molto divertente di David Fincher del romanzo bestseller di Gillian Flynn—gioca così tanti scherzi a spese dello spettatore che diventa difficile prendere tutto ciò che fa al valore nominale. Finisce esattamente dove è iniziato, con una ripetizione della sua enigmatica scena di apertura, il film traffica in flashback e colpi di scena all'indietro che pretendono di rivelare sempre di più sulla sua insoddisfatta coppia centrale, ma che rivelano solo facciate. Fincher si fissa sulla causalità; una cosa tira sempre l'altra: un indizio per un indizio, un dettaglio per un'inferenza, una finzione per una rivelazione, un bacio per un tampone orale. Sembra tutto inebriantemente logico, incollato con timbri di data, collegato da tagli associativi e avvolto nella setosa colonna sonora di Mark Isham di Trent Reznor e Atticus Ross.



Si potrebbe essere inclini a etichettare il film come una serie di elaborate indicazioni errate, se non condizionasse implicitamente lo spettatore a diffidare dei suoi personaggi. Come i film di Paul Verhoeven a volte assomiglia, ragazza andata è una satira che funge anche da intrattenimento perverso e dallo stile serrato: un thriller decostruito con un ritmo di drum-machine bop-bop-bop, che costruisce uno dei finali più aspri e senza speranza nella memoria recente. Lo stile di Fincher, con i suoi soffitti incombenti e l'illuminazione della scena di un omicidio in un motel, può far sembrare procedurale qualcosa di semplice come un uomo che esce per una tazza di caffè. Lavorando su una sceneggiatura (della stessa Flynn) che mette in relazione la vita domestica suburbana con un mistero contorto, ha realizzato un film in cui il luridio e il mondano sembrano esattamente uguali, e dove il mondo sotterraneo è rappresentato da un centro commerciale abbandonato dove i suburbani vanno a comprare droghe.

Una certa Amy Dunne (Rosamund Pike) scompare dalla sua casa di periferia del Missouri la mattina del suo quinto anniversario di matrimonio. Il suo sfortunato marito, Nick (Ben Affleck), si ritrova al centro di un circo mediatico, ogni sua mossa interpretata come un segno di colpa. Mentre si nasconde nel bungalow della sua sorella gemella e socio in affari, Go (Carrie Coon), il detective locale Boney (Kim Dickens) fruga nei suoi cassetti e nelle sue finanze personali, scoprendo una scia cartacea di fatture, lettere e anniversario note che suggeriscono che sta nascondendo qualcosa. Alla fine, Nick è costretto a cercare i servizi di Tanner Bolt (un superbo Tyler Perry), un avvocato carismatico specializzato nella difesa degli assassini di mogli. Eppure, non c'è nessun corpo o prova definitiva che Nick abbia qualcosa a che fare con la scomparsa di sua moglie.

ragazza andata inizia con obiettivi facili - psicologi pop, telegiornali sensazionali, genitori prepotenti, vicini stupidi - e si fa strada verso l'interno; una volta che uno spettatore accetta che Nick e Amy non sono le persone che tutti gli altri pensano che siano, potrebbe iniziare a sospettare che non siano le persone che fanno se stessi fuori di essere, sia. Scene narrate dal diario di Amy, molte delle quali ambientate in una New York notturna artificiale e garbata che sembra modellata su Occhi ben chiusi Corri parallelamente alle indagini sulla sua scomparsa. La sua voce è una bassa fusa di Lauren Bacall, e si registra immediatamente come un'affettazione; molto presto anche l'esasperata ignoranza di Nick inizia a sembrare una messinscena. Più il film dimostra la sua innocenza, più diventa difficile per lo spettatore fidarsi di lui.



G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

È qui che le cose si fanno davvero complicate, perché ragazza andata offre al suo pubblico molte ragioni per pensare a Nick e Amy come archetipi, rappresentativi di tutte le coppie sposate, e la maggior parte di queste ragioni viene direttamente dalla bocca dei personaggi. Quello è matrimonio , dichiara Amy alla fine di una scena particolarmente brutale, una frase pronunciata in modo netto che potrebbe essere interpretata come una dichiarazione di tesi per il film, se gli spettatori credessero che Amy fosse sincera. Ma non possono, che è più o meno il punto. ragazza andata non è un film sul matrimonio o sulle relazioni o su uomini e donne, ma sul modo in cui le persone assumono archetipi consolidati e familiari per compiacersi, manipolarsi e intrappolarsi a vicenda. Il comportamento dei Dunnes è prevedibile, ma solo perché stanno recitando dei ruoli: per i loro genitori, per i media, per le persone che si credono l'un l'altro. Il mistero più allettante del film è la domanda su cosa sta realmente accadendo nelle loro teste. Rimane senza risposta.