Il remake di Rocky Horror di Fox non è una distorsione temporale che vale la pena fare

DiEsther Zuckerman 20/10/16 12:00 Commenti (755)

(Foto: Steve Wilkie/FOX)

Recensioni C-

The Rocky Horror Picture Show: facciamo di nuovo la distorsione temporale

la direttrice

Kenny Ortega



Tempo di esecuzione

90 minuti

Lancio

Laverne Cox, Tim Curry, Victoria Justice, Ryan McCartan, Reeve Carney, Christina Milian, Annaleigh Ashford

Disponibilità

Giovedì 20 ottobre su Fox



Annuncio pubblicitario

Per i coglioni del musical-teatro con due scarpe, guardando gli anni '75 Il Spettacolo di immagini dell'orrore roccioso è la cosa più vicina alla delinquenza giovanile. Ha melodie orecchiabili, sì, ma è anche apertamente, seducentemente sessuale, per non dire deliziosamente bizzarro.

Fox, tuttavia, ha aggiunto una sana lucentezza al suo remake, The Rocky Horror Picture Show: facciamo di nuovo la distorsione temporale , realizzandolo orrore roccioso per via di Musical al liceo , e mirando a un simulacro di stranezza piuttosto che alla cosa reale. Il orrore roccioso i puristi faranno (e dovrebbero) sicuramente storcere il naso davanti a questa versione sterilizzata di Hot Topic. I neofiti non capiranno il fascino duraturo, dato che non c'è quasi niente di peggio di un brutto tentativo di campeggio. E mentre L'arancione è il nuovo nero Laverne Cox—che come Dr. Frank-N-Furter è l'attrazione principale—si comporta bene, non riesce a produrre qualcosa di particolarmente emozionante o lontanamente iconico.

Il regista Kenny Ortega, che ha anche diretto il suddetto film di Disney Channel, decide di inquadrare l'intera produzione come un film all'interno di un film. Si apre con l'apparente pop star Ivy Levan che canticchia fantascienza/doppio film in un viscido costume da usciere, accogliendo un gruppo di finti goth in un teatro, dove si sistemano per lo spettacolo e la fanfara della 20th Century Fox inizia a suonare. Di tanto in tanto, Ortega si rivolge a questi spettatori mentre eseguono i movimenti delle tradizionali interazioni di proiezione di mezzanotte. Questi interludi servono esclusivamente come distrazione. Il concetto avrebbe potuto funzionare se l'evento fosse stato destinato a essere trasmesso in diretta, ma nonostante il precedente successo di Fox in quell'arena, rubando il tuono della NBC mettendo in scena Grasso in diretta di fronte a un pubblico reale—la sua orrore roccioso era preregistrato.



Se Ortega fosse così disperato da trasmettere lo spirito folle del film fandom, perché non coinvolgere i fan, invece di ricrearli debolmente? Per confondere ulteriormente le cose, ha anche dato al castello di Frank-N-Furter una band house con coristi in stile Tina Turner per accompagnare i numeri, facendo sembrare l'intera faccenda deliberatamente teatrale e svuotando ogni potenziale di inquietudine. Neanche il coro dei transilvani che occupano la dimora trasmette esattamente malizia ultraterrena: sono vestiti come dovrebbero essere diretti a un concerto degli Evanescence nel 2003 e si pavoneggiano come se volessero concerti su Ballando con le stelle .

Grandi prestazioni avrebbero potuto riscattare il pasticcio e giustificare la decisione di pre-girarlo. Ahimè, non si materializzano mai. La Cox soffre maggiormente del peso di ciò che è venuto prima di lei: come l'originale Frank-N-Furter, nel film e sul palco, Tim Curry trasudava sia sesso che pericolo. Non c'era dubbio che potesse sia eccitarti che consumarti se voleva: la sua mascella gigante poteva scardinare e divorare una parte del tuo corpo, letteralmente o figurativamente. (A proposito, a quanto pare Fox pensava che il cannibalismo palese fosse un ponte troppo lontano per la TV di rete, Annibale essere dannato. Almeno rende il destino del povero Eddie - Adam Lambert - un po' più appetibile.) Cox, tuttavia, non rende mai Frank veramente inquietante o malevolo. Su L'arancione è il nuovo nero , brilla di più quando ha il compito di dramma naturalistico. orrore roccioso non lo consente, e sembra che non abbia ancora imparato come andare in senso ampio, risultando in un'interpretazione di una nota che è ostacolata dall'accento medio atlantico che adorna. Anche i costumi non le fanno alcun favore. Quando canta non si innervosisce per il modo in cui guardo in Sweet Transvestite, il testo ha poco senso. Il Frank di Curry era storto dal momento in cui si è pavoneggiato nell'inquadratura. Il suo corsetto era appena allacciato; le sue calze a rete erano strappate. Cox, nel frattempo, è completamente glamour. Sta lavorando alla favolosità di Beyoncé dei suoi capi, ma l'estetica da regina impeccabile non ha senso in questo contesto.

G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

E poi c'è Victoria Justice nei panni di Janet Weiss con gli occhi spalancati, il cui viaggio al castello provoca un risveglio sessuale. L'ex star di Nickelodeon non è mai convincentemente innocente o spaventata all'inizio della storia, né abbraccia pienamente la trasformazione lussuriosa del suo personaggio. Grida che vuole essere sporca, ma nulla implica che stia effettivamente sperimentando piaceri carnali. Forse la giustizia si è sentita trattenuta dal tono generalmente casto dell'impresa. Non è chiaro il motivo per cui Fox—che va in onda Scream Queens e Impero , dopotutto, aveva tanta paura di mettere sesso e sangue sullo schermo. Questi spettacoli sono molto più sensuali e, nel caso del primo, esplicitamente macabro, di qualsiasi cosa offra Ortega e compagnia. È stato un tentativo di mantenere il musical televisivo adatto alle famiglie? Perché, in tal caso, Fox ha scelto il progetto sbagliato da rifare.