Il primo film di Harry Potter conservava tutto nel libro... tranne la sua magia

Schermata: Grafica di Harry Potter e la pietra filosofale: Rebecca FassolaDiTom Breihan 12/11/20 12:00 PM Commenti (508)

I campioni del popcorn

I campioni del popcorn guarda indietro al film di maggior incasso in America da ogni anno dal 1960. Nel tracciare l'evoluzione del cinema di successo, forse possiamo rispondere a una domanda che Hollywood si pone da più di un secolo: cosa vogliono vedere le persone?

Ci sarebbe sempre stato un Harry Potter franchising cinematografico. Non appena il primo J.K. Il romanzo della Rowling è salito al New York Times lista dei bestseller, era inevitabile. Gli dei avevano fatto a Hollywood un dono raro: un fenomeno letterario, enorme tra i bambini, che è stato scritto visivamente quasi come una sceneggiatura cinematografica e che aveva già i suoi sequel incorporati. Gli studi ricevono molte critiche in questi giorni per essersi appoggiati troppo pesantemente a riconoscibili proprietà intellettuale, ma hanno costruito film ad alto budget da romanzi popolari sin dall'era del muto. Il primo Ben Hur film, dopotutto, è uscito nel 1925. Quando un libro vende qualche milione di copie, diventa quasi sempre un film. Harry Potter era un gioco da ragazzi.



Annuncio pubblicitario

Prima di Harry Potter e la Pietra Filosofale prima è andato in produzione, la grande domanda a Hollywood era chi avrebbe diretto quel primo film. La prima scelta ovvia era Steven Spielberg, ma ha rifiutato il lavoro, spiegando in seguito che il compito sarebbe stato troppo facile. Ma potrebbe non essere stato così semplice. Secondo alcuni rapporti, Spielberg voleva ingaggiare Haley Joel Osment, che era appena stata nominata all'Oscar per Il sesto senso , come Harry Potter, ma la Rowling, che aveva un insolito livello di controllo sull'adattamento, ha insistito per un cast tutto britannico. In ogni caso, Spielberg era fuori. Quell'anno, ha fatto A.I. Intelligenza artificiale con Osment invece.



Un Intrattenimento settimanale storia dal 2000 circa la ricerca del Vasaio il regista è una lettura affascinante. Secondo quanto riferito, il film sarebbe potuto andare a Jonathan Demme o Steven Soderbergh o M. Night Shyamalan. Secondo quanto riferito, Sam Mendes, Rob Reiner e Wolfgang Petersen si sono ritirati dalla contesa. La Rowling avrebbe voluto davvero Terry Gilliam, l'ex membro dei Monty Python e famigerato strambo che stava uscendo da 12 scimmie e Paura e delirio a Las Vegas e che probabilmente era al suo apice come regista pop. Gilliam era furioso per non aver ottenuto il lavoro; ha poi descritto i primi due Vasaio film come Vendere . Invece di fare Vasaio , Gilliam ha perso anni a causa della sua famosa maledizione Don Chisciotte adattamento. Non ha ottenuto nulla nei cinema fino al flop del 2005 Il Fratelli Grimm .

Invece, l'uomo ha scelto di dirigere Harry Potter e la Pietra Filosofale era Chris Columbus. Certo che lo era. È incredibile che ci sia mai stata qualche domanda. Nel 1990, Columbus, un protetto di Spielberg che aveva scritto Gremlins e I Goonies e che aveva diretto solo un paio di film, è uscito con A casa da solo , uno storico mostro di successo che ha mandato in delirio i bambini. A casa da solo non è un film fantasy in Harry Potter senso, ma è una fantasia in quanto mostra un bambino che sbrana con successo gli adulti, uno scenario di realizzazione dei desideri dell'infanzia.

Columbus ha prodotto film per famiglie per tutti gli anni '90, e la maggior parte di loro, come A casa da solo 2: perso a New York e Signora Doubtfire , sono stati grandi successi. L'ultima fatica di Colombo prima della prima Vasaio era Uomo bicentenario , uno strano fallimento del 1999 in cui Robin Williams interpreta un maggiordomo robot. Ma ha dato a Columbus una certa esperienza con gli effetti speciali. Era una creatura del sistema di studio con una comprovata esperienza e un dono per lavorare con attori bambini. La scelta era clamorosamente ovvia. Nello scegliere Columbus per farlo per primo Vasaio , la Warner Bros. ha assicurato che il film sarebbe stato un discreto successo per il pubblico, eliminando ogni possibilità che potesse essere eccezionale. Da un punto di vista puramente commerciale, questa è stata sicuramente la scelta giusta.

l'uomo nell'alto castello la grotta della tigre
Annuncio pubblicitario

Puoi vedere il pensiero qui. Harry Potter era una potenziale miniera d'oro. Terry Gilliam era un regista visivo vivido e inventivo che avrebbe potuto fare qualcosa di sorprendente con Vasaio ma che potrebbe anche trasformarlo in un disastro incoerente. Lo stesso vale per qualsiasi regista ambizioso che avrebbe potuto essere selezionato. La Warner non poteva permettersi di giocarci. Il Vasaio i libri avevano dei fan, e quei fan volevano vedere i film rappresentati nel modo più letterale possibile. Lo studio aveva bisogno di uno steward, e Columbus lo era.

È strano pensarci adesso, ma la maggior parte dei grandi adattamenti letterari del pre- Vasaio epoca sono significativamente differenti dal loro materiale di partenza. Il Padrino e mascelle intere sottotrame eliminate dai loro romanzi. Jurassic Park cambia intorno a chi vive e chi muore. Harry Potter e la Pietra Filosofale , d'altra parte, apporta solo le alterazioni più minute e cosmetiche. I produttori del film erano così impegnati a inchiodare il libro nel modo più accurato possibile che Daniel Radcliffe, il giovane attore scelto per interpretare il ruolo del protagonista, inizialmente ha dovuto indossare lenti a contatto per cambiare il colore degli occhi per riflettere più accuratamente la prosa della Rowling. (Le lenti gli hanno irritato gli occhi, quindi a Radcliffe è stato permesso di perderle... ma solo dopo che Rowling ha dato l'ok.) Anche con la sua fedeltà quasi militante, alcune persone erano ancora pazze. Ricordo la mia sorellina, una grande Vasaio fan, arrabbiato perché i capelli di Radcliffe non erano abbastanza disordinati.

Con un film come Harry Potter e la Pietra Filosofale , l'obiettivo non era davvero quello di fare un grande film. L'obiettivo era evitare di fare cazzate, liberare la passerella per futuri sequel, spin-off e giostre nei parchi di divertimento. Da quel punto di vista, il film è stato un successo strepitoso. Nel casting del film, Columbus in qualche modo ha trovato un gruppo di ragazzi che potevano farcela attraverso una serie di otto film molto popolare senza impazzire per tutta l'attenzione o trasformarsi in adulti dall'aspetto strano. Ha impostato un modello visivo che è servito bene al resto del franchise. Si è stipato in vaste risme di dialoghi espositivi senza perdere tutto lo slancio narrativo. Ha fatto il suo lavoro.

Ma Dio, è noioso. Harry Potter e la Pietra Filosofale è una strana contraddizione: un'opera di magia e immaginazione, resa senza alcuna magia o immaginazione. Lo stile visivo di Colombo è un goffo simulacro della grazia e della meraviglia di Spielberg. I suoi personaggi in rilievo comico si fanno beffe, si pavoneggiano e gongolano. I suoi protagonisti bambino-attore sono costretti a passare troppo tempo a elaborare contorte meccaniche di trama del mistero. Il capriccio è forzato. Le battute per lo più atterrano con tonfi.

Annuncio pubblicitario

Harry Potter e la Pietra Filosofale non è un libro lungo, ma è pieno di trama. Dal momento che il film deve impostare tutti i sequel, deve contenere molta trama, il che lo trasforma in una terribilmente lunga camminata di due ore e mezza. Columbus copre tutti gli immobili necessari, ma rende il lavoro difficile. Ogni volta che i miei figli hanno voluto guardare La Pietra Filosofale— e hanno voluto guardarlo molto: è stato un lavoro ingrato da sopportare. Il film è un po' come un pilot di una serie TV. Se un fenomeno come Harry Potter è arrivato oggi, devo immaginare che sarebbe diventato uno show televisivo ad alto budget per qualche servizio di streaming piuttosto che una serie di film. Probabilmente funzionerebbe meglio così.

Columbus ha alcuni momenti ispirati in La Pietra Filosofale . La sua decisione migliore è stata probabilmente quella di coinvolgere John Williams per comporre una colonna sonora vivace e giocosa che, in retrospettiva, è abbastanza simile a quella che aveva fatto per A casa da solo . (Ce n'è un sacco di A casa da solo DNA in quel primo Harry Potter ; Il cugino di Harry, Dudley, per esempio, si comporta più come il fratello di Kevin McAllister, Buzz, che come la caricatura alla Roald Dahl che Rowling ha messo sulla pagina.) Mi piacciono alcune delle singole inquadrature: le barche che galleggiano sul lago verso Hogwarts, il mantello che incombe su Harry nella Foresta Proibita. Gli effetti speciali nella grande partita di Quidditch funzionano sorprendentemente bene, e il film prende una pausa rara per far sentire un po' di trionfo Harry.

at&t ha acquistato un avviso di tempo

Ancora più importante, la recitazione è migliore di quanto chiunque avesse il diritto di aspettarsi. Columbus è stato intelligente nel riempire il film di attori shakespeariani assurdamente troppo qualificati che hanno avuto la gravità di vendere tutti gli antichi rituali: Richard Harris, Robbie Coltrane, Julie Walters. Maggie Smith ha vinto due Oscar quando ha preso la parte della professoressa McGranitt. Alan Rickman assapora assolutamente ogni briciolo di assurdo ringhio che il ruolo del Professor Piton gli concede. John Hurt è lì per tutta una scena, ma è una scena cruciale e trova la giusta nota di misticismo scintillante.

Annuncio pubblicitario

Quegli adulti fanno la maggior parte del lavoro pesante per gli attori bambini, che sicuramente vengono fuori come attori bambini. Ma Daniel Radcliffe, che aveva già interpretato David Copperfield alla BBC, ha abbastanza fascino e sensibilità per lavorare in quello che non poteva essere un ruolo facile. Nei panni di Ron Weasley, Rupert Grint deve fare troppe cose a bocca aperta, ma vende abbastanza bene le sue battute. Stranamente, l'unico vero punto debole è Emma Watson, quella dei tre che è diventata sia un grande attore che una star del cinema. In quel primo film, colpisce la sua nota presuntuoso troppo forte, ancora e ancora. (Ha fatto meglio nei sequel.)

Harry Potter e la Pietra Filosofale è uscito in un mondo che era assolutamente pronto per questo. Il botteghino del 2001 è stato completamente dominato dai film fantasy. I due più grandi successi dell'anno sono stati entrambi spettacoli in CGI, che hanno avuto inizio in franchising, su persone minuscole che vengono portate via dalla vita quotidiana di provincia per vivere magiche avventure con i loro amici, diventando invisibili e combattendo contro i troll e minacciate da figure ammantate di nero. Entrambi i film hanno mali che ritornano dalle generazioni passate e maghi gentili e misteriosi con gigantesche barbe bianche. Harry Potter solo a malapena superato Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell'Anello , un film molto migliore, ma le due saghe hanno chiaramente graffiato alcuni degli stessi pruriti sociali.

È allettante immaginare che il Harry Potter e Signore degli Anelli i film davano entrambi un senso di evasione a una popolazione americana che ne aveva bisogno; La Pietra Filosofale e La compagnia dell'anello entrambi sono arrivati ​​nelle sale un paio di mesi dopo l'11 settembre. Ma gli altri successi dell'anno sono per lo più abbastanza simili sia nel tono che nel soggetto. Per una sorprendente coincidenza, il troll in Pietra filosofale sembra stranamente simile al personaggio del titolo di Shrek , il film n. 4 dell'anno. (Devo dire: The Vasaio i bambini eliminano quel troll troppo facilmente. Il La Compagnia degli Anelli troll deve essere imbarazzato per quel ragazzo.)

Annuncio pubblicitario

Monsters Inc. e Il ritorno della mummia suonato anche per lo stesso pubblico. Alcuni di questi erano basati su proprietà consolidate, e alcuni avevano grandi star, ma tutti trovavano un equilibrio tra commedia ampia e avventura daffy. Non credo che questi film abbiano avuto successo a causa di qualcosa a che fare con l'11 settembre. Penso che sia stata solo una questione generazionale. Nel 2001, i millennial più anziani avevano 20 anni e i più giovani 5. C'erano molti più bambini là fuori nel mondo, e ai bambini piacciono le storie di castelli e mostri.

Dopo La Pietra Filosofale , il Harry Potter i film sono rimasti una macchina da soldi per la Warner Bros. Per il decennio successivo, sono usciti regolarmente. Columbus è tornato per il primo sequel, 2002's Harry Potter e la Camera dei Segreti , ma quello fu l'ultimo grande successo dell'uomo. Alfonso Cuarón è subentrato nel 2004 Il prigioniero di Azkaban , facilmente la migliore entrata della serie, e Columbus ha continuato a fare una serie di flop: The Affitto film , Ti amo, Beth Cooper , Pixel . Columbus ha cercato di riconquistare la magia di Potter con 2010's Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo: il ladro di fulmini , un adattamento di un romanzo per bambini che è esploso sulla scia del Vasaio libri, ma l'ha annusato alla grande.

odio debbie gallagher

Ha avuto più post- Vasaio successo come produttore, aiutando a guidare cose come la Notte Al Museo serie e L'aiuto . (Columbus è stato anche produttore esecutivo del film di Robert Eggers La strega , ed è intenso rendersi conto che l'uomo che potrebbe essere il regista di kiddie-fantasy di maggior successo della storia è stato anche coinvolto in un film in cui un bambino viene schiacciato in pasta nei primi 10 minuti.) Ma Columbus sta ancora trovando lavoro come regista. In effetti, è appena uscito con Le cronache di Natale 2 , il sequel di Netflix in cui Kurt Russell interpreta ancora una volta un bel Babbo Natale. L'ho appena visto con i miei figli. Fa schifo, cazzo.

Annuncio pubblicitario

Il contendente: I grandi successi fantasy per famiglie del 2001 non si affidavano davvero alle star del cinema. All'interno della top 10 dell'anno, l'unico vero valore anomalo è un puro ritorno al passato, un film che in pratica non è altro che le star del cinema che si divertono e sono affascinanti. A suo modo, il . di Steven Soderbergh Ocean's Eleven è anche una fantasia, dal momento che non puoi guardarlo senza desiderare disperatamente di poter uscire con i suoi personaggi. È anche tecnicamente un film di proprietà intellettuale, un remake di una vecchia rapina del Brat Pack. Ma il film di Soderbergh trascende il suo materiale di partenza. È un intrattenimento quasi perfetto che non perde lucentezza dopo una dozzina di rewatch.

quella prima Ocean's è stato il culmine della breve corsa di Soderbergh come campione populista; li aveva fatti entrambi Erin Brockovich e Traffico l'anno prima. Soderbergh rimane un regista irrequieto e affascinante che da allora ha fatto molte cose fantastiche. Ma Ocean's Eleven è un'opera rara: un film che ti costringe ad innamorarti di tutti sullo schermo. Soderbergh lo fa sembrare facile, ma se fosse facile, più persone lo farebbero.