La migliore TV del 2015, parte 2

DiGenevieve Valentine,LaToya Ferguson,Zack Handlen,Danette Chavez,Erik Adams,Gwen Ihnat,Alex McLevy,Kyle Ryan,Molly Eichel,Emily L. Stephens,Dennis Perkins,Kayla Kumari Upadhyaya,Brandon Nowalk,Myles McNutt,Joshua Alston,Vikram Murthi,Le cappelle, enoel murray 16/12/15 12:00 Commenti (1092)

Illustrazione di Sarah Winifred Searle (swinsea.com)

Annuncio pubblicitario

Ieri, L'A.V. Club ha iniziato la sua indagine sulla migliore programmazione televisiva dell'anno, contando alla rovescia dal n. 40 al n. 21. Oggi facciamo i nostri casi per la migliore TV in assoluto che il 2015 ha avuto da offrire, compresi affettuosi addii ai vecchi stand-by, debutti fiduciosi da nuovi preferiti , e gli ultimi sforzi degli spettacoli in corso che stanno appena facendo (o continuano) i loro progressi.



Le schede individuali dei contributori possono essere trovatequi.

venti. giustificato (FX)

È iniziato come uno spettacolo su un uomo di legge, un brusco imprecatore di nome Raylan Givens, più interessato ai grandi colpi di giustizia che alla stampa fine. Alla fine delle sei stagioni, giustificato era diventato uno studio spesso straziante su una difficile contea del Kentucky, dove povertà e orgoglio significano che quasi tutti stanno facendo qualcosa di illegale. Mai un antieroe di per sé, Raylan è rimasto uno stronzo impenitente dall'inizio alla fine della serie, anche se ha avuto un figlio e ha formato relazioni semiamichevoli con il suo capo e i suoi colleghi. Ma era anche un ragazzo di Harlan, e dopo aver ballato intorno al significato di questo per cinque anni, giustificato l'ultima stagione ha completato la storia che aveva sempre raccontato ai margini, sul ragazzo arrabbiato che ha scelto di insultare il suo cretino criminale di un padre mettendosi un distintivo, e sui suoi due vecchi amici - Boyd e Ava Crowder - che hanno cercato di costruirsi una vita stabile ma losca nella loro storta città natale, anche se erano perseguitati da bande e poliziotti.Come si addice a un adattamento di Elmore Leonard, giustificato si è conclusa con alcuni colpi di scena inaspettati ma soddisfacenti; ciò che contava di più era che lo showrunner Graham Yost onorasse ciò che i personaggi avevano vissuto e diede alle sue magnifiche star Timothy Olyphant, Walton Goggins e Joelle Carter un'ultima possibilità di offrire alcuni dei dialoghi più avvincenti in televisione. [Noel Murray]

Episodi notevoli: La mano destra del destino,La caccia,La promessa



19. Jessica Jones della Marvel (Netflix)

G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

Krysten Ritter è un'attrice incredibilmente versatile, avvincente nella sua breve ma memorabile interpretazione Breaking Bad e poi ferocemente esilarante sulla breve durata Non fidarti di B—— Nell'appartamento 23 . E con Jessica Jones , fa il suo miglior lavoro fino ad oggi come investigatore privato che vende whisky. Jessica ha momenti di intensa forza (letteralmente) e momenti di intensa vulnerabilità, e Ritter inchioda tutto. E David Tennant ha lo stesso successo del depravato Kilgrave. Nonostante i suoi superpoteri, sembra così reale: le sue azioni e parole rispecchiano il modo in cui gli aggressori trattano e parlano alle loro vittime nella vita reale. (Kilgrave non è solo un supercriminale. È un ex violento.) Il suo piano malvagio non è un obiettivo spettacolare come conquistare il mondo o distruggere un governo. Passa la sua vita prendendo tutto ciò che vuole e stuprando e manipolando giovani donne e, di conseguenza, Kilgrave è diventato il supercriminale più terrificante che la Marvel abbia mai affrontato. Jessica Jones funziona brillantemente con questa parte della storia, e l'intera stagione esplora le dinamiche degli abusatori oltre il semplice Kilgrave, creando una televisione molto oscura ma molto intelligente che scava molto più a fondo di un racconto di eroi contro cattivi. Mike Colter e Rachael Taylor completano il cast con interpretazioni avvincenti e Trish Walker di Taylor diventa un personaggio di spicco, più di un semplice aiutante. [Kayla Kumari Upadhyaya]

Episodi notevoli: AKA Il panino mi ha salvato, AKA Sin Bin, AKA 1.000 tagli

18. Maestro di nessuno (Netflix)

Annuncio pubblicitario

La giocosa e peculiare sensibilità comica di Aziz Ansari non sembra prestarsi a una sitcom creata a immagine di Ansari, almeno non così perfettamente come la visione del mondo acida di Louis CK portata alo spettacoloche presta Maestro di nessuno il suo modello di base. Ma nell'espandere la voce di Ansari alle dimensioni di una sitcom, Maestro arricchisce l'idea di chi è come comico e come persona, e non potrebbe essere più lontano dal Tom Haverford ossessionato dalla spavalderia su Parchi e Divertimento . Il personaggio di Ansari, Dev, è un attore serio e ben educato a New York City che cerca solo una donna fantastica e il piatto di pasta perfetto, ma Ansari eleva la linea del registro di basso concetto infondendo allo spettacolo la sua prospettiva singolare. Parents, che vede la madre e il padre nella vita reale di Ansari nei panni della famiglia di Dev, rievoca la loro immigrazione dall'India in uno degli episodi più toccanti e inaspettati dell'anno, mentre Indians On TV è una rara dissezione della razza da qualcuno al di fuori dell'America's binario in bianco e nero. Entrambi gli episodi presentano conversazioni che non avresti mai sentito in nessun altro programma, ma anche quando Maestro affronta temi più ampi come l'inerzia strisciante della monogamia a lungo termine, lo fa con ambiziosi esperimenti strutturali. Lo spettacolo è anche la sitcom più cinematografica e visivamente accattivante del 2015, che sembra un'altra conseguenza del punto di vista di Ansari. Con l'aiuto del veterano Parchi lo scrittore Alan Yang, Ansari ha trasformato la sua vita in una commedia che si presenta completamente formata in un modo in cui le sitcom non fanno mai. Guardarlo è vedere Ansari evolversi da una conoscenza casuale a un amico che avresti voluto conoscere prima. [Joshua Alston]



film un posto estivo

Episodi notevoli: Genitori,indiani in tv,Le mattine

17. rettificare (sole)

Annuncio pubblicitario

Il più meditativo dei drammi polizieschi, rettificare , nella sua straordinaria terza stagione, riesce a portare avanti la sua trama misteriosa senza sacrificare la storia minuziosamente osservata e risolutamente umana che ha reso questa serie del Sundance uno dei migliori spettacoli in televisione.Il futuro, il penultimo episodio della terza stagione, vede lo sceriffo Carl Daggett, combattuto ma ostinato di J.D. Evermore, compiere le sue mosse più audaci per andare a fondo del crimine che ha mandato il protagonista della serie Daniel Holden (Aden Young) nel braccio della morte; nel frattempo, la luminosa e devota madre di J. Smith-Cameron, Janet, rende finalmente chiara la profondità della fede che ha nel suo figlio torturato. Lo stesso Daniel di Young affronta l'esilio dalla sorella Amantha (Abigail Spencer) appartamento - e la sua città natale - con la stessa imperscrutabile immobilità ironica che ha reso lui rettificare è il centro avvincente ed enigmatico in tutto. Nella scena finale, Daniel e le persone che sono rimaste al suo fianco durante la sua incarcerazione e il tumultuoso rilascio si riuniscono intorno alla piscina del complesso di appartamenti che Daniel ha scrupolosamente ridipinto l'ultima notte prima del suo esilio, bevendo birra e abbracciando un ultimo, rubato momento di un'improbabile serenità prima che il mondo li risucchi nella sua implacabile corrente. Tali sono i momenti in cui rettificare è costruito. La stagione si conclude con un viaggio estatico e straziante per Janet e Daniel, ma il loro scambio a bordo piscina in The Future è altrettanto commovente nella sua semplicità: non mi dispiacerebbe vedere di nuovo l'oceano, mamma. Perchè no. [Dennis Perkins]

Episodi notevoli: Giro da brivido,Ragazza Gesù,La fonte

16. Jane la Vergine (Il CW)

Annuncio pubblicitario

Ultima stagione, Jane la Vergine è emerso come uno dei migliori nuovi spettacoli della stagione (è arrivato aN. 17 l'anno scorso nella nostra lista 2014), con una voce fresca e un cast così affabile che è difficile scegliere un preferito (scherzo, èJaime Camilè Rogelio). Ma proprio come le telenovelas Jane la Vergine parodie così abilmente, la trama potrebbe diventare sempre più complicata man mano che lo spettacolo passava dal suo già alto concetto di una vergine per bene (la divina Gina Rodriguez, che ha vinto un Golden Globe per il ruolo) che è artificialmente inseminata dal suo ricco sorella innamorata dell'ex cotta. Quindi c'è stata una certa trepidazione dopo l'eccellente prima stagione, specialmente con l'aggiunta del piccolo Mateo di Jane e Rafael (Justin Baldoni). Ma la seconda stagione è stata altrettanto forte della prima, attirando abilmente il cast di personaggi che esistono all'interno dell'orbita di Jane. Lo schema della gravidanza di Petra (Yael Grobglas), ad esempio, avrebbe potuto essere una svolta ridicola se non avesse assicurato che Petra rimanesse nella vita di Jane per un motivo che ha giovato alla trama. tonale, Jane la Vergine Anche la seconda stagione è dolce e divertente come la prima, forse di più ora che l'incredibilmente carino Mateo è un bambino vivo che respira, e non solo uno spettro che perseguita Jane e tutte le sue relazioni. Ma niente di tutto questo funzionerebbe senza Rodriguez, che rimane un centro accattivante per lo show, ma è in grado di affrontare gli strati di notizie e le complessità che accompagnano il suo nuovo ruolo di mamma. [Molly Eichel]

Episodi notevoli: Capitolo ventitre,Capitolo venticinque,Capitolo ventotto

Annuncio pubblicitario

quindici. Rick e Morty (Nuoto per adulti)

Annuncio pubblicitario

Al suo meglio, la fantascienza usa il potere illimitato dell'immaginazione per esplorare i punti di forza e di debolezza dell'umanità, costruendo un dramma dal divario tra chi siamo e chi possiamo essere. Ma l'aspro, esilarante Rick e Morty usa una filastrocca fantascientifica di alto livello per esplorare il caos intrinseco dell'umanità e come cercare di costruire l'ordine al suo interno sia un'impresa da sciocchi. In questa stagione, i creatori Justin Roiland e Dan Harmon hanno portato le disavventure del nostro scienziato alcolista preferito e del suo nebbroso nipote (entrambi interpretati da Roiland) a nuovi livelli—la frattura letterale del tempo,battaglie con parassiti che manipolano la memoria,exploit negli universi all'interno delle batterie per auto- ma ciò che rimane costante è come l'etica tradizionale, legata alla Terra, non abbia posto nell'universo infinito. Mentre Rick opera partendo dal presupposto che l'assurdità dell'universo richieda un approccio insensibile ed edonistico a tutto, Morty cerca disperatamente di fare la cosa giusta, ma gli orrori casuali della vita con suo nonno lo costringono a mettere in discussione tutto ciò che gli sta a cuore. Ciò si estende anche alla famiglia di Morty, poiché Beth (Sarah Chalke), Jerry (Chris Parnell) e Summer (Spencer Grammer) sono costretti a esaminare per procura le proprie esistenze fugaci. Ma per quanto Rick e Morty illustra la miriade di conflitti che rendono la vita un tale disordine sconcertante, dimostra anche come sacrifici piccoli e grandi (ok, per lo più grandi) possono generare buona volontà tra coloro che ti sono più vicini. Forse sono i legami più improbabili che possono trascendere il disordine della vita moderna. [Vikram Murthi]

Episodi notevoli: Rickall totale, i Rick devono essere pazzi,Gli Squanchers di Nozze

Annuncio pubblicitario

14. BoJack Horseman (Netflix)

Annuncio pubblicitario

BoJack Horseman è uscito dal nulla nel 2014 e sapere cosa aspettarsi non ha reso la sua seconda stagione meno eccezionale. La sua incisiva satira di Hollywoo(d) ha tagliato ancora più in profondità mentre affrontava il sessismo istituzionale, l'etica del mangiare carne e la natura statica delle trasmissioni televisive. L'assurdità è aumentata gloriosamente con momenti salienti comeuna ricerca della visione in un dipinto di Thomas Kinkade,commedia improvvisata come sostituto di Scientology, euno spettacolo di giochi diretto da J.D. Salinger chiamato Hollywoo Stars And Celebrities: What Know? Sanno cose?? Scopriamolo!E ha approfondito ulteriormente le paure e i rimpianti dei suoi personaggi, poiché l'ex star della sitcom BoJack Horseman (Will Arnett) ha scoperto che recitare nel suo film dei sogni non ha risolto nulla di sbagliato in lui, e la principessa Carolyn (Amy Sedaris) e Diane (Alison Brie) alle prese con crisi professionali e relazionali. L'intero cast - Arnett, Sedaris, Brie, Aaron Paul, Paul F. Tompkins - sta facendo alcuni dei migliori lavori della loro carriera poiché danno a questi personaggi apparentemente ampie sfumature, e la seconda stagione ha avuto una lista di guest star straordinariamente eclettica con tali punti salienti come Lisa Kudrow, Maria Bamford, Alan Arkin, Garry Marshall e Liev Schreiber. BoJack è stato contemporaneamente il personaggio più facile e più difficile del 2015 per il quale tifare perché ha fatto un passo indietro ogni due passi avanti, ed è una testimonianza di BoJack Horseman che ha bilanciato entrambi i lati di quella tensione con la stessa facilità con cui bilancia il fatto che BoJack è entrambi uomo e cavallo. [Le cappelle]

Episodi notevoli: Hank After Dark, Scopriamolo,Fuga da Los Angeles

13. L'indistruttibile Kimmy Schmidt (Netflix)

Annuncio pubblicitario

Seguito da 30 roccia è stata senza dubbio una sfida intimidatoria, ma L'indistruttibile Kimmy Schmidt ha mostrato ciò che Tina Fey e il suo partner creativo Robert Carlock potevano realizzare senza vincoli di rete TV. (Benchè Kimmy i primi 13 episodi sono stati prodotti per la NBC, primaNetflix è piombato dentroe salvato lo spettacolo dal bunker sotterraneo del programma di mezza stagione di Peacock.) La storia di questa eroina indistruttibile dopo la sua fuga da un culto apocalittico ha beneficiato del dialogo nitidissimo di Fey e del flusso costante di bizzarri non sequitur, con il co-creatore che tirava il doppio dovere come la metà di una squadra dell'accusa notoriamente inefficace . Ha anche saggiamente redatto 30 roccia i veterani Jane Krakowski (come vanitoso datore di lavoro di Kimmy) e Tituss Burgess (come coinquilino dalla mentalità teatrale di Kimmy), ma è Ellie Kemper come il personaggio del titolo che àncora lo spettacolo, con il suo mix instancabile e ipnotico di coraggio e ottimismo dopo un evento potenzialmente distruttivo per la vita . È impossibile non tifare per Kimmy Schmidt e i suoi riferimenti alla cultura pop di 15 anni troppo tardi. Xan dice cosa? Bruciare. [Gwen Ihnat]

Episodi notevoli: Kimmy va fuori!,Kimmy va in bicicletta!,Kimmy fa i waffle!

Annuncio pubblicitario

12. Mr. Robot (USI)

Annuncio pubblicitario

All'inizio sembra Mr. Robot sarà un altro procedurale USA, più oscuro ma non meno pop dei successi rilassanti del canale. Ogni settimana Elliot, hacker magro e con gli occhi da insetto di Rami Malek, correggerà un altro errore e imparerà un'altra lezione sui danni collaterali o qualcosa del genere. Ma abbastanza presto è chiaro che non ci sono stand-alone su Mr. Robot . Non c'è compartimentazione. Tutto torna da te alla fine. Questo principio guida è ciò che porta Elliot non solo a un team di hacker, guidato dal personaggio principale di Christian Slater, ma a un'alleanza anarchica internazionale, ed è ciò che produce i momenti più potenti della stagione, tra cui un colpo che fa più male che sciocca a causa del l'esclusivo approccio formale dello spettacolo. Indirizzi diretti, interruzioni manuali e spazio negativo decadente vendono la fantasia paranoica di Elliot come la fluidità del tempo e dello spazio vende l'illusione di Will Graham su Annibale . Mr. Robot ha i suoi momenti psicologici, quanto meglio per i suoi giovani disamorati (tra questi Suburgatory 's master of impassibile, Carly Chaikin) per immaginare il tardo capitalismo? - ma la violenza fisica non colpisce così duramente quanto il danno psicologico. Il creatore Sam Esmail ha originariamente concepito la stagione come il primo atto di un lungometraggio, il che rende l'immagine intrigante più simile a Cosmopolis di Fight Club . Così com'è, Mr. Robot ha un climax infernale per essere solo all'inizio. [Brandon Nowalk]

Episodi notevoli: eps1.0_hellofriend.mov,eps1.7_wh1ter0se.m4v,eps1.8_m1rr0r1ng.qt

Annuncio pubblicitario

undici. Mostrami un eroe (HBO)

Annuncio pubblicitario

di David Simon Mostrami un eroe si apre con una vittoria dei diritti civili che, sebbene lungi dall'essere decisiva, è comunque significativa: una lunga battaglia legale culminata in un ordine per le case popolari, che teoricamente mette fine alla segregazione negli anni '80 Yonkers. Ma questa richiesta, perfettamente ragionevole e umana, viene fatta a una città che, nonostante sia a nord della linea Mason-Dixon, è ancora profondamente radicata nel razzismo: è solo una varietà che spaccia valori e sottolinea. Quello che segue sono anni di imbrogli politici (condensati in sei ore) che ostacolano la costruzione e mettono fine alla carriera di almeno due sindaci di Yonkers. Sebbene la miniserie di Simon ravvivi certamente la noia dei procedimenti del consiglio comunale e degli appelli in tribunale apparentemente infiniti, lo fa senza sacrificare le sfumature del conflitto. Il regista Paul Haggis alterna l'illustrare la (volontaria) ignoranza dei bianchi della classe media e il riluttante ottimismo delle minoranze svantaggiate, ed entrambe le parti ottengono un ambasciatore. Sebbene i colpi più forti vengano sparati all'interno delle camere del consiglio comunale, Mostrami un eroe presenta molti momenti tranquilli che ci ricordano cosa c'è veramente al centro di questa lotta: tutti vogliono solo una casa, osserva Nick Wasicsko di Oscar Isaac, che eredita l'imbroglio quando diventa il sindaco più giovane nella storia della città. Come campione ad interim del popolo, Isaac interpreta Wasicsko con un misto di integrità e ambizione da ragazzo, anche se sta cercando di eludere l'accordo. Sebbene la storia abbia messo da parte Wasicsko, è la performance di Isaac a fondare tutti gli atteggiamenti politici e le turbolenze civili. [Danette Chavez]

Episodi notevoli: OreDue,tre, esei

10. Recensione (Commedia centrale)

Annuncio pubblicitario

Hollywood non sapeva come sfruttareAndy Dalyil suo formidabile talento comico fino a quando Recensione ha debuttato nella primavera del 2014 e le due stagioni dello show ne hanno fornito una brillante vetrina. Nessun altro spettacolo su Comedy Central - o TV, davvero - infila così perfettamente l'ago della desolante ilarità, poiché il recensore della vita di Daly, Forrest MacNeil, distrugge la sua vita (e le vite degli altri) con la sua inspiegabile devozione al suo lavoro.La prima stagione ha stabilito un impressionante standard di folliaquella seconda stagione è stata allegramente superata, rendendo MacNeilun leader di culto,vivi la vita come una piccola persona,prova un buco di gloria,uccidere qualcuno,essere sepolto vivo, e altro ancora. È il tipo di spettacolo che intrufola la battuta più oscura della TV nei titoli di testa, come una clip di MacNeil che recensisce il servizio di babysitter lo mostra mentre cammina attraverso un campo con agenti di polizia alla ricerca di un corpo. Recensione ha perseguito in modo così aggressivo esperienze oltraggiose per MacNeil che è facile chiedersi come una terza stagione, che Comedy Central ha, frustrante, non ancora annunciata, potrebbe eguagliarla. Ma la seconda stagione di Recensione ha dimostrato che Daly e l'eccellente staff di sceneggiatori dello show sono all'altezza della sfida. Cosa potrebbero fare con la sicurezza di una terza stagione? [Kyle Ryan]

Episodi notevoli: Omicidio, Magic 8 Ball, Procrastinazione,Culto, corpo perfetto,Accusato ingiustamente, dormi con il tuo insegnante, piccola persona

Annuncio pubblicitario

9. Irreale (Tutta la vita)

Annuncio pubblicitario

Siamo onesti: nessuno si aspettava uno spettacolo come questo da Lifetime. Ma chiunque abbia ascoltato il passaparola si è accorto di uno dei migliori pugni allo stomaco della durata di un'ora dell'anno. Un abbattimento degli ouroboros della reality-TV, Irreale ha mantenuto un'allegra fissazione sulla produzione di salsicce dietro le quinte di una popolare competizione di appuntamenti, anche se ci ha dato una manciata di donne la cui situazione come concorrenti sembrava il parco divertimenti abbandonato in un film dell'orrore. La creatrice Sarah Gertrude Shapiro era una produttrice sul campo Il laureato ; in cosa c'è certamente un fenomeno non correlato, Irreale condanna il processo con una desolazione ben precisa. (Alcuni episodi della stagione, il Laurea breve il presentatore Chris Harrison ha protestato contro la veridicità dello spettacolo —forse un po' troppo.) Ma Irreale Le più grandi potenze sono ancora la produttrice Rachel e la showrunner Quinn. Questi due antieroi neri come la pece non sono solo il motore narrativo più efficace dello show; sono il tipo di performance stratificate, quasi imperdonabili ma profondamente umane che anche la TV di punta sta appena iniziando a capire. Shiri Appleby è una rivelazione come Rachel zona disastri amorali, e Quinn di Constance Zimmer, un produttore così amorale che fa sembrare Rachel come Bambi, ha l'energia di un dittatore pazzo. Sono una simbiosi perfettamente parassitaria che fonda questo spettacolo in ogni suo terribile momento e lo trasforma in uno dei thriller più avvincenti dell'anno. Il senso di colpa divorante di Rachel rende Irreale uno dei drammi più strazianti dell'anno. E una stagione di narrazioni complesse su come creiamo narrazioni? Questo lo rende la TV più soddisfacente sulla TV in TV. [Geneviève Valentino]

Episodi notevoli: Ritorno,salvatore,Futuro

8. Trasparente (Amazzonia)

Annuncio pubblicitario

Un anno dopo la sua prima stagione, Trasparente rimane una serie televisiva straordinariamente ben realizzata, con una regia vivida, interpretazioni forti e una scrittura che trasforma anche i Pfefferman più frustranti in persone di cui vogliamo seguire il viaggio. Ma la seconda stagione dello show è più degna di nota per come spinge in avanti la sua indagine su genere, sessualità e queerness. Se la prima stagione è stata la storia della famiglia che fa i conti con Maura (Jeffrey Tambor), la seconda stagione è la storia di Maura e della sua famiglia che fanno i conti con le lotte presenti e passate di coloro che non si conformano alle norme sociali. Jill Soloway e il suo staff di sceneggiatori resistono alla tentazione di rivivere gli stessi conflitti dell'anno prima, spingendosi più a fondo nelle sfumature dell'identità transgender e trovando sfide sottili ma significative che Maura e coloro che la circondano devono affrontare quotidianamente. Un viaggio magico e realista lungo una stagione nel passato trova la serie al suo meglio: prendersi dei rischi, prendere sul serio l'identità e sviluppare una connessione complessa tra le questioni in gioco e i personaggi che portano avanti lo spettacolo. Trasparente riesce capendo che quei personaggi non sono - e non saranno mai - al di sopra della tossicità della società che li circonda, e trionfa esplorando cosa succede quando quegli stessi personaggi scelgono comunque di andare avanti con una mente aperta. Il risultato è una narrativa queer sempre più ricca che cementa il posto della serie nelle conversazioni sia culturali che critiche. [Myles McNutt]

Episodi notevoli: Kina Hora, Man On The Land, Grigio Verde Marrone & Rame

7. Annibale (NBC)

Annuncio pubblicitario

Spaventoso e appetitoso in egual misura, perspicace e squisitamente filmato, Annibale è sempre stata una televisione trascendente. Ma nella sua terza stagione, la grande fantasia dello showrunner Bryan Fuller trascende persino se stessa. Fiorente per due stagioni come thriller lussureggiante e abile con elementi procedurali, quest'anno Annibale emerse dalla sua crisalide come qualcosa di più ricco, più oscuro e nel complesso più inquietante. È una fiaba operistica, una fantasticheria dell'orrore espressionista in cui l'emozione, non la trama, guida la storia. Andando in Europa con Hannibal Lecter (Mads Mikkelsen), Bedelia Du Maurier (Gillian Anderson) sembra inizialmente essere in sua balia, ma l'interazione tra potere e complotto tra loro è più complessa e più pericolosa di così.Il drago rossoL'arco di prima assomiglia a casi precedenti, ma gran parte delle indagini viene elusa perché Francis Dolarhyde (Richard Armitage) è più di un altro serial killer rococò. L'oscura storia d'amore tra Hannibal e Will Graham (Hugh Dancy) è centrale nella serie, e in particolare nella terza stagione, e il corpo di Dolarhyde è il corpus in cui consumano la loro peculiare passione in un atto di violenza e amore orribilmente intimo. Annibale trasforma i suoi personaggi e se stesso con crudele finezza e, così facendo, trasforma le aspettative e i desideri dei suoi spettatori. [Emily L. Stephens]

Episodi notevoli: Contorno,Dolce,L'ira dell'agnello

6. Gli avanzi (HBO)

Annuncio pubblicitario

La seconda stagione del dramma straziante di HBOiniziato lanciando il guanto di sfidaai piedi di tutti coloro che si lamentavano che fosse troppo obliquo, troppo ellittico, troppo impenetrabile per fare una televisione di qualità. Piuttosto che ammorbidire il suo approccio, ha raddoppiato, impostando le prime nuove scene della sua prima del secondo anno ai tempi dei cavernicoli e rifiutandosi di spiegare il perché. L'episodio che seguì era in gran parte privo di nessuno dei personaggi che i fan conoscevano o amavano, come a dire, Oblique? non vedi n altro ' ancora. Ma nonostante tutti gli strani avvenimenti e le immagini allusive apparentemente troppo numerose per essere contate, lo spettacolo ha consegnato uno degli archi narrativi più ambiziosi e complessi della televisione narrativa nella memoria recente, poiché ha abilmente intrecciato filo dopo filo di una storia ambigua e carica di presagi - nessuna matassa troppo piccola - e poi ha pagato tutte. Gli episodi variavano ancora tra il seguire i singoli personaggi e il vagare tra il cast tentacolare, ma ancor più che nella prima stagione, sembrava tutto meticolosamente orchestrato, senza una scena sprecata o una trama abbandonata. L'impegno di Damon Lindelof nel mantenere anche le trame più fantastiche ancorate nel regno delle possibilità (come è tutto questo solo un'allucinazione di pre-morte? del momento clou della stagioneAssassino internazionale) mantiene tutti i pazzi legati alla questione incredibilmente onesta e umana al centro dello spettacolo: come ognuno di noi può continuare a vivere in un mondo che ci causa così tanto dolore. [Alex McCown]

Episodi notevoli: Asse del mondo,Nessuna stanza alla locanda, Assassino Internazionale

5. Sei il peggiore (FX)

Annuncio pubblicitario

Sei il peggiore ha debuttato nell'estate del 2014 con basse aspettative (delle commedie FX che debuttavano a luglio, l'ormai cancellato Sposato era il presunto vincitore della coppia) ed è uscito dell'anno come uno dei migliori programmi TV, nuovi o meno. La voce dello showrunner Stephen Falk ha dato un fattore di intrattenimento a personaggi moralmente discutibili senza raggiungere i livelli di OMG, e ha fornito un'affinità a questi stessi personaggi, nonostante quanto potessero essere tutti coinvolti. Dopo un salto alla rete gemella FXX, la domanda è diventata se la serie potesse continuare così nella sua seconda stagione: dopotutto, le commedie romantiche tendono a finire non appena i protagonisti romantici si incontrano, e la prima stagione si è conclusa con Jimmy e Gretchen. muoversi insieme, un senso di realizzazione che si diffonde sui loro volti. Ma non solo era Sei il peggiore in grado di replicare la magia della prima stagione, è stata in grado di capitalizzare su di essa e creare una storia ancora più ricca su come si finisce per essere i peggiori in primo luogo. Dopo aver iniziato la stagione con la prima domanda se Jimmy e Gretchen possano o meno lavorare come una coppia impegnata, Sei il peggiore ha capovolto la sceneggiatura per raccontare una delle storie più oneste e avvincenti in televisione: la lotta senza fine di Gretchen con la depressione e l'incapacità di Jimmy di risolverla. Lo spettacolo serve a ricordare che una commedia via cavo con un tocco più oscuro e serio può ancora essere divertente: ridere tra le lacrime era una parte essenziale della visione della seconda stagione. [LaToya Ferguson]

Episodi notevoli: nato morto,Non c'è attualmente un problema,Sistema audio LCD

Annuncio pubblicitario

Quattro. Meglio chiamare Saulo (AMC)

Annuncio pubblicitario

In genere, quando un critico dice che un programma televisivo sta ancora trovando se stesso, il commento è inteso come una critica. Uno spettacolo che non conosce se stesso è uno spettacolo con un sacco di questioni in sospeso, caratterizzazioni confuse e vicoli ciechi narrativi. Questo non è vero per Meglio chiamare Saulo , che prende il processo di auto-realizzazione episodica e lo trasforma in un esame commovente dell'identità, della conoscenza di sé e di quanto sia difficile essere un uomo buono quando tutti si aspettano che tu sia cattivo. Spinning off dauna delle serie più amate dell'ultimo decennio, Saulo aveva grandi scarpe da riempire e nei suoi primi due episodi non ha esitato a fare riferimento al suo passato. Tuttavia, quei riferimenti erano un termine improprio; la storia di Jimmy McGill (Bob Odenkirk) e la sua lotta per diventare legale è troppo tentacolare per adattarsi comodamente all'ombra di Breaking Bad . La prima stagione abbraccia più generi: crimine spietato, dramma legale solare, commedia slapstick, tragedia familiare e mentre i cambiamenti di tono non sono sempre comodi, l'energia generata dal passaggio da uno all'altro conferisce alla stagione un'attrazione esaltante. A volte è possibile sentire gli scrittori che lottano per tirare insieme vari fili, e lo sforzo di ciò rende tutto più soddisfacente quando ci riescono. Con Odenkirk che fa il miglior lavoro drammatico della sua carriera come centro, lo spettacolo dimostra cosa può succedere quando prendi una squadra creativa al top del loro gioco e lasci che improvvisano. [Zack Handlen]

Episodi notevoli: Cinque-O,Pepe,Struttura

3. Fargo (FX)

Annuncio pubblicitario

La maggior parte di quello di Noah Hawley Fargo prende in prestito dai fratelli Coen è ovvio: il tono arcigno, lo strano scherzo interno, alcuni spunti musicali ammiccanti e le improvvise esplosioni di violenza. Ma Fargo La seconda stagione più complessa dal punto di vista narrativo e tematico ha impiegato sottilmente un'altra tattica fondamentale dei Coen, trasformando un pezzo d'epoca apparentemente disinvolto in una conoscenza dell'antropologia culturale. Nella seconda stagione, la fine degli anni '70 non è solo l'ambientazione, è l'atmosfera. Mentre raccontava un'altra sanguinosa e contorta storia criminale del Midwest, Hawley ha anche catturato lo stato della nazione immediatamente prima di Reagan, quando le ultime vestigia della stranezza cosmica hippie e dell'americana casalinga hanno iniziato a lasciare il posto ai grandi affari e all'autoritarismo, il tutto con la benedizione del cittadini comuni che si sentivano sopraffatti dalla bruttezza strisciante del mondo in generale. (Qualsiasi somiglianza con la vita nel 2015 è senza dubbio intenzionale.) Il grande trucco della TV Fargo è che nasconde grandi idee in ore di televisione tese, divertenti e divertenti, popolate da personaggi memorabili, interpretati da personaggi altamente capaci come Jean Smart,Ted Danson, Kirsten Dunst eBokeem Woodbine. Aggiungi un eroe veramente decente (interpretato da Patrick Wilson) e un cattivo meravigliosamente odioso (Jeffrey Donovan), e questo spettacolo diventa il raro dramma via cavo che rinuncia alla narrazione attenuata e all'ambiguità morale, e invece offre episodio dopo episodio in cui accadono molte cose, e tutto conta. [Noel Murray]

Episodi notevoli: Rinoceronte,Loplop,Il Castello

sabato sera in diretta 5 novembre

2. Gli americani (FX)

Annuncio pubblicitario

La pratica di nascondere i cadaveri nelle valigie è stata un tropo televisivo da quando Big Luggage ha divorato il mercato dello smaltimento dei cadaveri, un tempo dominato dai tappeti persiani. Ma in realtà stipare un essere umano in una valigia sarebbe un lavoro scrupoloso e faticoso, e mai prima dell'incredibile terza stagione di Gli americani è stato rappresentato di conseguenza?. Per gli agenti dormienti del KGB sposati Philip ed Elizabeth Jennings (Matthew Rhys e Keri Russell), tale attività passa per la notte degli appuntamenti. Ma anche per i professionisti addestrati che lavorano in tandem, configurare un corpo che si irrigidisce rapidamente alle dimensioni di Rollaboard è più di un'idea, tutte ossa che si spezzano e estremità contorte. Ci vuole tempo per rendere giustizia al processo e Gli americani sembra non avere altro che tempo a disposizione, anche se aumenta la tensione e la suspense a livelli strazianti.

Gli showrunner Joel Fields e Joe Weisberg capiscono che con uno show televisivo, come con una macabra festa di imballaggio, ci vuole tempo per fare il lavoro giusto. Loronarrazione attenta e deliberatadiventa più gratificante nel tempo, distinguendo il dramma di spionaggio a combustione lenta dai numerosi spettacoli scritti ai ritmi di gratificazione immediata dei social media. Gli americani investe profondamente nei suoi personaggi e, nonostante lo spionaggio e il combattimento ravvicinato, le scene più avvincenti di solito coinvolgono persone che parlano, facendo del loro meglio per ragionare in circostanze impossibili. L'incidente della valigia, amplificato da un sound design sorprendentemente efficace, ridurrebbe le coppie minori in macerie. Philip ed Elizabeth sono più forti che mai, non solo perché condividono la missione di distruggere l'America, ma perché esistono in uno spettacolo in cui la comunicazione premurosa è fondamentale. [Joshua Alston]

Annuncio pubblicitario

Episodi notevoli: Walter Taffet,pungiglioni,I robot di posta sognano pecore elettriche?

1. Uomini pazzi (AMC)

Annuncio pubblicitario

Come evidenziato dalle precedenti due voci in questo elenco, gli anni '60 non sono finiti il ​​31 dicembre 1969: i conflitti, le innovazioni e le preoccupazioni del decennio si sono riversati negli anni successivi e li stiamo ancora lavorando oggi. I passeggeri alla fine sbarcano, ma la giostra continua a girare. Gli anni '60 non sono finiti Uomini pazzi , o: la seconda metà della settima stagione potrebbe essere stata soprannominata The End Of An Era (nomenclatura perfetta per uno spettacolo che non ha mai avuto paura di mescolare la schiettezza con le sue molte sottigliezze), ma questo aveva più a che fare con i passaggi nella vita dei personaggi che nelle pagine del calendario. Facendo un balzo da gigante dallo sbarco sulla luna alla metà del 1970, Uomini pazzi ha scoperto che i dipendenti della Sterling Cooper & Partners si adattavano alla vita con i loro nuovi padroni aziendali, una rinuncia all'indipendenza che Don Draper (Jon Hamm) ha combattuto fino alla costa del Pacifico.

L'orgoglio insincero che Don proietta quando dice per la prima volta le parole I'm Don Draper di McCann Erickson è stato solo uno dei segni che il 2015 sarebbe stato finalmente l'anno di Hamm agli Emmy, chiudendo un triennio Uomini pazzi siccità alla cerimonia e assicurandosi che la Television Academy gettasse almeno un osso a uno dei più grandi ensemble drammatici della storia della TV. Il personaggio di Hamm si è concluso con l'uscita più grandiosa, ma i punti di forza dell'intero ensemble sono rimasti in mostra daindennità di licenziamentoattraversoDa persona a persona: Joan Holloway (Christina Hendricks) ha bruciato le cose e ha ricominciato da capo; un'adolescente Sally Draper (Kiernan Shipka) ha identificato alcuni tratti brutti della famiglia, ma era impotente contro il perpetuarli. Smettendo di punirsi per non essere stati Don, Peggy Olson (Elisabeth Moss) e Pete Campbell (Vincent Kartheiser) si avviano fiduciosi verso nuove frontiere.

Annuncio pubblicitario

Il finale della serie ha innescato fuochi d'artificio minimi e non ha prestato attenzione alle stravaganti teorie dei fan: Don non era D.B. Cooper, Megan (Jessica Paré) non era Sharon Tate. L'unica morte importante è stata lenta, dignitosa e lasciata fuori dallo schermo. Ma l'ambiguità dei suoi secondi finali è riuscita comunque a provocare un acceso dibattito, lasciando agli spettatori il compito di unire i puntini tra un Don sorridente e le folle utopiche raccolte su una collina . The End Of An Era è uscito con la promessa di un nuovo giorno, nuove idee, un nuovo te, filosofie per una nuova era che, non a caso, suonano molto come testi pubblicitari. [Erik Adams]