30 anni di notte: una storia musicale di Castlevania

DiNick Wanserski,Matt Gerardi,William Hughes,Patrick Lee, eAnthony John Agnello 9/26/16 12:00 PM Commenti (235)

Dalla box art dell'originale Castlevania. (Arte: Castlevania Wiki)

Il primo Castlevania gioco è stato rilasciato in Giappone 30 anni fa oggi. Conosciuto lì come Il castello dei demoni Dracula , la fusione di azione a 8 bit di Konami e l'horror dei film di mostri è rimasta bloccata e la serie risultante è diventata un punto fermo del settore. Attraverso quasi 30 partite e diverse importanti revisioni, una delle Castlevania Le qualità più consistenti di 's è stata la sua musica, una raccolta di canzoni diverse e iconiche che hanno un suono tutto loro. In questa edizione speciale di Let's Playlist, festeggiamo i 30 anni di Castlevania con uno sguardo indietro alle colonne sonore della serie, campionando dall'eclettico mix di stili e suoni che rendono questa una delle storie musicali più ricche dei videogiochi. E come sempre, ti invitiamo a condividere il tuo preferito Castlevania canzoni nei commenti, insieme a un link a YouTube, se riesci a trovarne uno. Alla fine della settimana, aggiungeremo le tue nomination alla nostra playlist, che puoi trovare giusto qui, e condividi il set finale in Keyboard Geniuses di venerdì.



Annuncio pubblicitario

1. Assassino di vampiri, Castlevania , NES (1986)

Vampire Killer è emblematico come la musica dei videogiochi. Il primo tema del primo in assoluto Castlevania fase, il titolo è, ovviamente, condiviso con il tuo personaggio, Simon Belmont, un cacciatore che vuole sconfiggere Dracula. (È anche il nome della frusta sacra del suo clan.) Ma la musica stessa riflette ciò che Castlevania è, in fondo, meno horror assoluto di un'avventura di cappa e spada con un tocco da film di mostri. La chiave è quella combinazione di melodie spettrali in chiave minore con riff rock e batteria, che cavalcano una linea tra macabra e glamour. Man mano che la serie si evolveva, ha sfruttato la nuova tecnologia per un'estetica più lussureggiante e ha implementato le strutture sofisticate di giochi come Sinfonia Della Notte da abbinare. Anche la musica si è trasformata, diventando molto più complessa e diversificata. Ma in fondo, questa formula di Vampire Killer è rimasta il nucleo del suono e dell'identità della serie, il progetto per 30 anni di musica e giochi fantastici. [Matteo Gerardi]

2. Danza del mostro, Castlevania II: Simon's Quest (1987)

Come prima incursione della serie in Metroid -esplorazione aperta in stile, La ricerca di Simon ha una reputazione mista, ma la colonna sonora è uniformemente impeccabile, inclusa questa traccia, che annuncia le transizioni del gioco dal giorno alla notte. I mostri diventano più duri e gli zombi iniziano a vagare per le strade della città, ma almeno hai alcuni sinistri ritmi d'organo e tamburi che ti fanno compagnia nella tua ricerca delle parti disincarnate di Dracula. Ancora più importante, c'è una disperazione nella canzone che cattura come ci si sente ad essere bloccati nel mezzo del bosco quando il sole tramonta e gli scheletri semplici che hai battuto si trasformano in lupi mannari assassini. Potrebbe essere una notte orribile per avere una maledizione, ma ehi, almeno la musica è buona. [William Hughes]

G/O Media potrebbe ricevere una commissione Compra per $ 14 al Best Buy

3. Foresta Pazza, Castlevania III: La maledizione di Dracula (1989)

Castlevania III le ambizioni sonore di 's rimangono strabilianti. Il compositore Hidenori Maezawa ha contribuito a creare il processore VRC6 personalizzato fornito nella cartuccia della versione originale di Famicom e ha fornito al gioco cinque canali audio extra per potenziare le sue canzoni. Questa innovazione ha raddoppiato la quantità di canali audio disponibili nella versione americana per NES e ha portato a due iterazioni del punteggio stellare del gioco. Fai il pieno della chiave dei creepers e dei rocker dei giochi precedenti, La maledizione di Dracula ho visto Maezawa espandersi stilisticamente con alcune marmellate che erano semplicemente funky. Mad Forest si apre con un ritmo mischiato e un groove di basso per creare l'atmosfera prima che i suoni di corno diano il via alla melodia del synth in grande stile. Come i figli d'amore distorti di Genesis e Bootsy Collins degli anni '70 vanno, Mad Forest è un banger indipendentemente dalla versione che ascolti. Il NES prende regole a causa di come isola l'interruzione di 25 secondi. Il Famicom VRC6 versione ornata ingrassa notevolmente i bassi. Brillante, ballabile, perfetto. [Antonio Giovanni Agnello]



Annuncio pubblicitario

4. Nuovo Messia, Castlevania II: La vendetta di Belmont (1991)

Castlevania La vita di 's sul Game Boy originale era tumultuosa, con un trio di tentativi insoliti di tradurre l'azione della serie NES in qualcosa di appetibile sul piccolo schermo verde. Due di loro erano decisamente cattivi. (Nemmeno un cameo di Alucard potrebbe aiutare Leggende di Castlevania .) Ma La vendetta di Belmont , un seguito di Castlevania: L'avventura , è stato sia un gioco tosto che una vetrina per spiegare esattamente perché il chip audio del Game Boy è ancora uno strumento preferito degli artisti chiptune fino ad oggi: la cosa può accendere fuochi, e New Messiah è la fiammata risultante. Questo è un vero blitz rock 'n' roll Castlevania . Una melodia in chiave minore prepara il palcoscenico, un'aria vintage disperata si stabilisce, quindi, blam!, ecco che arrivano il rullante e il basso stagnati del Game Boy. New Messiah barcolla sulla discordia per tutto il tempo, ma quella melodia squillante - non la chitarra, non i tasti, ma un chip che suona tutto suo - lo ricostruisce fino alla melodia prima di precipitare di nuovo. Sia questa canzone che questo gioco erano tra i migliori del Game Boy. [Antonio Giovanni Agnello]

Annuncio pubblicitario

5. Stanza rotante, Super Castlevania IV (1991)

C'è una caratteristica sognante nella colonna sonora del primo Super NES Castlevania gioco, uno che lo distingue dalle influenze heavy rock che il resto della serie porta nella manica. dove un altro Castlevania il gioco potrebbe avere una chitarra ululante o lacci affilati, Castlevania IV usa organi eterei o arpe tintinnanti sostenute da tamburi che suonano sempre un po' vuoti o sciolti. Anche brani dal ritmo serrato come questo—che, insieme al suo semi-sequel Torre di Filatura, accompagna le famose sequenze 3D finte del gioco nella Fase 4, senza mai perdere quella qualità spaziale. Come il livello in cui si trova, Rotating Room passa tra molte parti in movimento, ma la sua sezione più notevole presenta un organo veloce supportato da un ritmo di batteria stridente e synth in aumento. Inchioda davvero quanto dovrebbero essere disorientanti queste scene, mentre penzoli da una frusta da un anello mentre la stanza piena di punte intorno a te gira lentamente. [William Hughes]

Annuncio pubblicitario

6. Lacrime insanguinate, Castlevania: Rondo Of Blood (1993)

Super Castlevania IV ha portato la serie su una nuova generazione di console, ma Rondò Di Sangue , pubblicato solo due anni dopo e solo in Giappone, si sarebbe rivelato l'ingresso più trasformativo. Ha fatto saltare in aria le convenzioni della serie, mantenendo la sua struttura semplice da livello a livello, aggiungendo un tocco di anime sia dentro che fuori dalla battaglia e preparando il terreno per il suo sequel, Sinfonia Della Notte . Rondo Il team di compositori ha sfruttato la potenza dei CD-ROM per creare una partitura eclettica con una profondità del suono che prima era impossibile. Diversi brani classici tornano in forma riarrangiata, ma nessuno suona così grandioso come Bloody Tears. Rondo interpreta questa canzone distintiva: è apparsa in più di una dozzina di giochi dalla sua La ricerca di Simon debutto, trasforma la sua introduzione nella corposa toccata per organo che avrebbe sempre dovuto essere. Diventa frenetico, poi passa in secondo piano mentre la traccia si sposta in modalità avventura heavy metal, la batteria fragorosa e il basso furioso spingono Richter Belmont più avanti nella notte. Tra l'onnipresente organo, la sezione ritmica implacabile e le esplosioni corali obbligatorie, questa interpretazione è tremenda da davanti a dietro, riempiendo ogni angolo con qualche succosa pepita in cui affondare le zanne. [Matteo Gerardi]



Annuncio pubblicitario

7. Intenzione blu di ferro, Linee di sangue di Castlevania (1994)

I bambini cresciuti nelle famiglie Sega non ne hanno avuto molto Castlevania nelle loro diete. Sinfonia Della Notte , un punto culminante della serie, ha fatto la sua apparizione sul Saturn, ma l'unico originale Castlevania il titolo da lanciare esclusivamente su una console Sega è stato il road trip europeo che uccide mostri Linee di sangue di Castlevania per la Genesi. Essendo separato dai titoli principali, linee di sangue era libero di sfogarsi un po', abbandonando la prospettiva del clan Belmont e l'ambientazione gotica tradizionale della serie per concentrarsi su una coppia di assassini di vampiri durante la prima guerra mondiale. Aveva anche un suono diverso, facendo un uso pieno e glorioso dei Genesis ' chip audio a volte diffamato. Puoi sentire tutti i segni rivelatori di una traccia dei Genesis su Iron Blue Intention: l'ampio glub-glub del basso, che suona come se fosse suonato sott'acqua, la morbidezza dei tamburi spazzolati, il metallico parp-parp delle trombe. Ma nonostante tutti quei compromessi audio, è ancora una melodia horror d'azione allegra e spettrale, e un perfetto Castlevania traccia. [Patrick Lee]

Annuncio pubblicitario

8. Partita di intaglio del legno, Castlevania: Sinfonia della notte (1997)

C'è qualcosa di così sofisticato e urbano in Sinfonia Della Notte 's Long Library, dovuto in gran parte al tema dell'area, Wood Carving Partita. Dopo aver combattuto attraverso i corridoi di soldati meschini hoi polloi e scheletri umili, entrare nella calma della biblioteca e ascoltare quelle prime note delicate del clavicembalo è come un sorso da un bicchiere d'acqua fresca. È un pezzo davvero adorabile, stratificato ma ordinato, che mantiene un ritmo uniforme che fa sembrare ogni salto e colpo di spada come una danza. Alucard sopporterà ciò che deve per abbattere suo padre, ma per un mezzo vampiro che combatte contro le legioni dell'inferno e del caos indossando un abito di seta immacolato, la sicurezza imperturbabile del Wood Carving Partita sembra la cosa più vicina che ha a un tema appropriato. [Nick Wanserski]

Annuncio pubblicitario

9. Vecchio Santuario che affonda, Castlevania: il cerchio della luna (2001)

Opportunamente, per un gioco sui non morti, Castlevania ha un debole per far rivivere elementi del suo passato, offrendoci la possibilità di ascoltare vecchi brani ritoccati e pompati attraverso sistemi tecnologicamente superiori. Castlevania: il cerchio della luna è stato il primo titolo della serie ad apparire sul Game Boy Advance, che sarebbe diventato la sua casa per diversi anni, e la sua colonna sonora includeva traccia dopo traccia di brani squisitamente reimmaginati dalle voci precedenti. Tra questi c'è questa versione del linee di sangue Sinking Old Sanctuary, a cui è stata data nuova vita dalla linea di basso sintetizzata rotonda e grassoccia del Game Boy Advance. Uno-uno-due, uno-uno-due, va: un valzer così ipnotico che la melodia silenziosa come un sussurro lo attraversa come nebbia e quasi si perde. La Genesi, sia benedetto il suo cuore, non era capace di tale sottigliezza. [Patrick Lee]

Annuncio pubblicitario

10. Casa dei Sacri Resti, Castlevania: Lamento dell'innocenza (2003)

Come cercare di infilare il tuo gatto in un costume di Halloween, Castlevania ha lottato strenuamente con il passaggio alle tre dimensioni. Il terzo capitolo 3D della serie, Lamento d'innocenza per PlayStation 2, ha tentato di compensare la tiepida accoglienza dei precedenti giochi per Nintendo 64 ereditando più degli amati elementi dei titoli 2-D. Quell'approccio da accaparramento di associazioni positive è esemplificato in House Of Sacred Remains, una sorta di tema di Greatest Hits che utilizzava tutti gli elementi migliori e più riconoscibili delle partiture precedenti e li stipava in un'unica traccia. Inizia con un organo solitario e lugubre prima di introdurre un ritmo gocciolante e un coro sintetizzato. C'è una rapida transizione verso lo smooth jazz veloce e un furioso ritornello di Il fantasma dell'opera l'esecuzione dell'organo a un livello esplode prima che il pezzo si calmi di nuovo. In definitiva, Lamento d'innocenza cadde nel vasto limbo del meramente accettabile Castlevania voci, ma anche un gioco medio può essere abbellito da musica eccellente. [Nick Wanserski]

Annuncio pubblicitario

11. Peregrinazioni azzurre, Castlevania: Ordine dell'Ecclesia (2008)

Michiru Yamane ha portato il suo mandato decennale come Castlevania il principale compositore per chiudere con Ordine Ecclesiastico , uno dei migliori giochi per Nintendo DS, uno degli esperimenti più interessanti della serie e facilmente il più ingiustamente ignorato Castlevania . Nel trascurare il gioco in cui il designer Koji Igarashi è andato per il gusto, la gente ha trascurato anche la raccolta di canzoni più pienamente realizzata di Yamane da quando Sinfonia Della Notte . La sua grande abilità è sempre stata quella di sposare melodie sinuose new age con solidi ritmi dance, e mentre il formato CD di Sinfonia si prestava bene a quello stile, il Game Boy Advance e il Nintendo DS erano meno adatti. Chiesa Azure Wanderings esemplifica come ha riconquistato il suo ritmo. I trilli giocosi del pianoforte danzano intorno ai secondi iniziali della canzone, la loro timida eleganza guadagnando un bordo minaccioso dagli archi del synth che si addensano sullo sfondo. Mezzo minuto dopo, le corde e le chiavi si incontrano nel mezzo, rivelando la curiosa melodia in loop al centro. La melodia suona come Shanoa, Chiesa 's star, si muove, ad ogni nota una falcata di gambe lunghe e capelli corvini. (Antonio Giovanni Agnello)

Annuncio pubblicitario

12. Crediti 2, Castlevania: Lords Of Shadow 2 (2014)

Per la sua versione finale, Konami ha consegnato la serie a un giovane studio spagnolo chiamato MercurySteam. La sua visione, il Signori dell'ombra trilogia, trasformato Castlevania in una soap opera gotica che aveva più in comune con la rissa roboante di Dio della guerra di Sinfonia Della Notte . Le colonne sonore hanno seguito l'esempio, dando priorità alla grandezza e alla furia rispetto alla semplice melodia del passato della serie. Qui, nell'ultima canzone di quella che forse è l'ultima Castlevania colonna sonora che ascolteremo mai, tutta quell'angoscia si scioglie e lascia dietro di sé un meraviglioso piccolo canto funebre per questa serie leggendaria. Signori dell'ombra 2 potrebbe essere stato un modo terribile per Castlevania per andare, ma con Crediti 2, un ultimo grido che è allo stesso tempo triste e trionfante, la serie sembra marciare verso quella buona notte a testa alta. [Matteo Gerardi]

Annuncio pubblicitario